• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Scialpinista muore in un crepaccio sul Gran Paradiso

Dal rifugio Chabod (Photo rifugiochabod.com)
Dal rifugio Chabod (Photo rifugiochabod.com)

VALSAVARENCHE, Aosta — Uno scialpinista trentino è morto domenica scorsa sul Gran Paradiso. L’uomo si trovava sulla parete nord ovest dove saliva verso la vetta con gli splitboards, gli snowboard separabili, quando è caduto in un crepaccio, probabilmente nascosto dalla neve fresca.

L’incidente è accaduto domenica mattina sul Gran Paradiso, dove la vittima, un 33enne trentino, si trovava insieme a un gruppo di amici. Erano partiti dal rifugio Chabod, a quota 2.700 metri, e seguivano la via che porta in cima passando dal Ghiacciaio del Laveciau. Secondo le prime ricostruzioni, a un certo punto si sarebbe separato dal resto della comitiva e avrebbe deciso di tornare indietro al rifugio, dove però non è mai arrivato.

Lo scialpinista infatti è caduto in un crepaccio, facendo un volo di circa 30 metri. Quando i suoi compagni sono tornati indietro e non l’hanno trovato hanno dato l’allarme al 118 e sono iniziare le ricerche.

Gli uomini del Soccorso alpino e della Guardia di finanza di Entrèves hanno individuato il corpo del 33enne trentino in fondo al crepaccio, senza però riuscire ad estrarlo subito. Nel pomeriggio infine, il corpo senza vita è stato recuperato ed è stato portato a valle.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Pur nella tragicità dell’evento ” morire a 30 anni ” mi chiedo: si abbandona da solo un compagno, in una zona di difficile percorrenza anche per i più esperti, che per qualche motivo ti dice che non sale più ? Stanco, affaticato, la quota…. una serie di fattori che forse dovevano essere più tenuti in considerazione ? Un pensiero ai suoi genitori ed al loro grande dolore nell’aver perso un figlio nel fiore degli anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.