• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Arrampicata sportiva, Top News

Adam Ondra sale la via più difficile del mondo: 9b+ o mito sfatato?

Adam Ondra su Chilam Balam (Photo courtesy UKclimbing.com)
Adam Ondra su Chilam Balam (Photo courtesy UKclimbing.com)

MALAGA, Spagna – Si chiama “Chilam Balam” e si trova su una vertiginosa parete di Villanueva del Rosario, vicino alla città spagnola di Malaga. L’ha aperta nel 2003 il climber locale Bernabé Fernández, dandogli un grado senza precedenti: 9b+. Si tratta della difficoltà più alta mai data ad una via, a livello mondiale, e la dichiarazione suscitò non poche polemiche. Da allora, nessuno è mai riuscito a ripeterla per confermare il grado, nonostante illustri tentativi. Ieri, 13 aprile, ci è riuscito Adam Ondra: ora il mondo dell’arrampicata pende dalle sue labbra.

Ondra, il giovanissimo astro dell’arrampicata, è riuscito a ripetere la via solo dopo 4 tentativi: la notizia sta letteralmente facendo il giro del mondo. Prima di lui, infatti, ci avevano provato grandi nomi come Chris Sharma e Dani Andrada, ma nessuno – in otto anni dall’apertura – aveva mai avuto successo.

Anzi. A dire la verità, perfino la salita di Fernandez fu messa in dubbio: si disse che c’erano sì molte foto dell’ascensione, ma nessuna testimonianza sui passaggi chiave della via. Sui siti di arrampicata, infatti, qualcuno insinua che quella di Ondra potrebbe essere considerata la prima salita ufficiale di Chilam Balam.

Polemiche a parte, ora tutti stanno aspettando i commenti di Ondra sull’effettivo grado di difficoltà della via. Al momento, solo un sito della Repubblica Ceca, patria di Ondra, riferisce che l’alpinista avrebbe gradato la via come un 9b, che resta il grado più alto del mondo ma che porrebbe Chilam Balam a parimerito con un’altra manciata di vie. Questa difficoltà confermerebbe le critiche e le perplessità mosse da molti alpinisti a Fernandez.

“Non si può prendere sul serio il grado proposto da Bernabé – aveva detto Alex Huber riguardo la questione -. Prima di tutto non ci sono salite che comprovano un’abilità  così straordinaria di questo climber”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *