• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Primo Piano

Mi sono perso sull'Etna: ma era un mitomane

L'Etna
L'Etna

CATANIA — Lo hanno cercato per due giorni sull’Etna. Poi alla fine è saltato fuori che la telefonata che aveva scatenato l’allarme era stata fatta da un mitomane.

E’ stata un’assurda beffa quella giocata al Soccorso alpino Etna Sud. Una telefonata aveva fatto scattare il dispositivo di soccorso che aveva messo in campo una trentina di operatori del Cnas e della forestale alla ricerca di un 44enne, tal M.d.B, che in realtà non è mai esistito.

Le ricerche sono scattate tempestivamente il 5 aprile e sono proseguite per tutta la serata, fino all’una di notte, dell’uomo che risultava disperso sul versante sud dell’Etna, nella zona dei crateri sommitali. Era stato lo stesso uomo a telefonare ai soccorsi col suo cellulare segnalando di essersi perso.

Ma giunti in zona, gli uomini del Soccorso alpino hanno avuto la sgradita sorpresa. Nessuna traccia dell’escursionista. Come è stato poi accertato questa mattina dalla polizia, si è trattato della telefonata di un mitomane.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.