• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Sci alpinismo

Adamello Ski Raid: Burgada-Blanc e Mirò-Roux sono le coppie da battere

Il suggestivo passaggio della pattuglia composta da Guido Giacomelli, Hans Joerg Lunger e Jan Pellissier nell’edizione 2008
Il suggestivo passaggio della pattuglia composta da Guido Giacomelli, Hans Joerg Lunger e Jan Pellissier nell’edizione 2008

PONTE DI LEGNO, Brescia — Conto alla rovescia per l’Adamello Ski Raid, una gara per “duri” dello scialpinismo con un tempo di percorrenza per i big di circa 5 ore, un percorso in alta quota che si sviluppa su una lunghezza di quasi 43 km e un dislivello di 3400 metri dal Passo del Tonale a Ponte di Legno. La gara, seconda tappa de La Grande Course, il prestigioso campionato internazionale di scialpinismo che unisce le cinque regine dello skialp mondiale, è alle porte: il via sarà all’alba di domenica 3 aprile.

L’Adamello Ski Raid, valida anche come 3° Trofeo Regione Lombardia, contava il record di iscritti già alla terza edizione con 600 ski alper al via. Offre la possibilità per il pubblico di poter seguire la manifestazione in più punti salendo in quota sul ghiacciaio Presena con la nuova cabinovia Paradiso. Ed è una competizione affascinante, che va a toccare luoghi simbolo della Guerra Bianca. Questo è l’Adamello Ski Raid, una gara che in sole tre edizioni, grazie ad un Comitato organizzatore dinamico e a delle peculiarità uniche è riuscita a bruciare le tappe e a ritagliarsi un ruolo primario fra le manifestazioni mondiali di sci alpinismo.

Domenica 3 aprile tutti questi tasselli si concretizzeranno per dare vita ad un grande evento che avrà il suo start alle 6 del mattino dal Passo del Tonale. Come anticipato la starting list dell’edizione 2011 è di tutto rispetto, a partire dai campioni del mondo, i due spagnoli Kilian Jornet Burgada e Mireia Mirò. I favori del pronostico sono tutti per loro, che faranno coppia con gli stessi partner con i quali hanno vinto al Pierra Menta, prima prova della Grande Course, ovvero i francesi Didier Blanc e Laetitia Roux.

Da non sottovalutare poi il francese Bon Mardion e il forte compagno svizzero Martin Anthamatten e soprattutto la nutrita pattuglia italiana capitanata dal valtellinese (leader del circuito Coppa delle Dolomiti) Guido Giacomelli in coppia con il bormino Lorenzo Holzknecht e dall’altro team composto dal bergamasco Pietro Lanfranchi e dal bormino Daniele Pedrini. In campo femminile non mancheranno poi le magnifiche azzurre Francesca Martinelli (pure lei leader di Coppa delle Dolomiti) e Roberta Pedranzini.

Singolari poi le motivazioni che hanno spinto due campioni del passato come Franco Nicolini e Omar Oprandi a rimettersi in discussione partecipando a tutte le tappe della Grande Course nella categoria master, e con eccellenti risultati vista la vittoria al Pierra Menta.

I giorni della vigilia sono momenti di tracciatura di un percorso che in quota presenta neve in abbondanza con passaggi particolarmente tecnici. È dunque confermato il percorso originale che prevede quattro ascese notevoli: la prima ai 3069 metri di Passo Presena, la seconda ai 3300 metri di Cresta Croce con passaggio nei pressi del cannone simbolo della Grande Guerra, la terza al Monte Adamello a 3539 la vetta più alta della manifestazione, quindi la quarta a Cima Venezia a 3290 metri, da dove inizia la lunga discesa di 12 km che porterà a Ponte di Legno.

“Siamo tutti molto soddisfatti – dichiara Alessandro Mottinelli per il comitato organizzatore – sia per il numero di partecipanti provenienti da tutto il mondo e da tutte le regioni italiane, Appennini compresi, sia per il livello degli atleti, considerato che ci saranno i migliori. Fra gli organizzatori c’è molto entusiasmo, anche perché il meteo si annuncia perfetto, ciò che favorirà l’affluenza di un grande pubblico. Non resta che attendere il via!”.

Un altro aspetto che rende particolare questo evento – appunto – è la possibilità per il pubblico di appassionati di seguire alcuni passaggi degli atleti. Il più semplice al Passo Presena previsto circa un’ora e 10 minuti dopo lo start, raggiungibile tramite la cabinovia Paradiso (10 minuti di risalita) per l’occasione aperta dalle 5.30 alle 7.30 con accesso gratuito, gli altri per gente attrezzata con materiale per lo sci alpinismo con tre tipologie di itinerario in base al tempo e alla preparazione.

Da non perdere poi l’appuntamento della vigilia subito dopo il briefing. Alle ore 19 presso il Palazzetto dello sport di Ponte di Legno verrà proiettato il film “I colori delle emozioni”, grazie all’accordo che il circuito Coppa delle Dolomiti ha stretto con la prestigiosa rassegna Trento Film Festival.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *