• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri, Gallery, L'approfondimento, Multimedia

Il Karakorum straziato dall'alluvione: le immagini

alluvione pakistanISLAMABAD, Pakistan — Case distrutte e invase dal fango. Sguardi impotenti resti di villaggi che fino ieri erano pieni di vita. Tendopoli improvvisate a due passi dalla rabbia dei fiumi in piena. Bimbi dal viso ferito, che piccolissimi si prodigano per aiutare a sopravvivere. Ecco cosa ci raccontano le immagini del dopo-alluvione in Karakorum e della sua gente, impegnata nei disperati tentativi di salvare una coperta, un piatto o qualche pezzo di legno prima che l’inverno inghiotta le montagne.

Si parla di 21 milioni di persone colpite dall’alluvione di quasi duemila morti. Ma i numeri, che da soli non basterebbero a quantificare gli immensi problemi di tipo economico, sanitario e alimentare che questa tragedia sta aprendo nell’intero Paese, sono destinati ad aggravarsi.

Le prime zone ad essere state interessate dai monsoni e dalle alluvioni sono quelle a nord del Paese, tra cui i distretti montuosi del Baltistan, quelli di Skardu e di Ghanche, entrambi posti a metà strada tra la catena dell’Himalaya e quella del Karakorum. I villaggi vicini al fiume Indo e i suoi affluenti sono stati travolti dalle piene, mentre al contempo grosse frane di roccia e materia si sono abbattute sui centri abitati ai piedi delle montagne.

Oltre alle centinaia di vittime e di feriti, oltre al numerosi capi bestiame morti, gran parte dei campi coltivati è andata perduta, un dato non poco grave se si pensa che questa regione vive al 90 per cento di agricoltura di sussistenza e di pastorizia. Secondo le prime informazioni, sarebbero 25 i villaggi fortemente danneggiati nel distretto di Skardu, e 20 in quello del Ghanche.

no images were found

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *