• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Incidente di caccia, un morto in Val Comelico

Val Comelico
Val Comelico (Photo Rifugioberti.it)

COMELICO SUPERIORE, Belluno — Tragedia sulle montagne della Val Comelico in alto Cadore. Un cacciatore è rimasto ucciso ieri da un colpo di fucile, mentre con il figlio e un amico si trovava non distante dall’ex rifugio Sala, a circa 2000 metri di quota, nel gruppo del Popera. L’uomo sarebbe stato preso per sbaglio da un colpo destinato a un animale.

La vittima è un 50enne residente nel Comelico che ieri era impegnato in una battuta di caccia al capriolo. Secondo le prime ricostruzioni riportate dalla stampa locale, avrebbe intercettato il secondo colpo sparato da uno dei compagni verso un animale, messo in fuga dal primo sparo. Sulla vicenda però stanno ora indagando gli uomini della Guardia di Finanza di Auronzo, i carabinieri e la polizia provinciale, e non si hanno al momento maggiori dettagli sulle dinamiche e le responsabilità dei fatti.

L’allarme è scattato poco dopo le 13 quando gli uomini del Suem di di Pieve di Cadore si sono recati sul posto con l’elicottero. Il medico, sbarcato in hovering sul luogo dell’incidente insieme a infermiere e tecnico del Soccorso alpino, ha costatato la morte dell’uomo e ottenuto il nulla osta della magistratura hanno recuperato la salma e l’hanno trasportata fino al rifugio Lunelli, in località Selvapiana a Casamazzagno.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *