• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Primo Piano

Canada, trekker caricato e ucciso da una capra delle nevi

Mountain Goats Olympic National Park
Capre delle nevi dell'Olympic National Park (Photo courtesy www.oldgoatphotography.com)

SEATTLE, Canada — La capra delle nevi lo ha caricato mentre era seduto a mangiare un panino. E lo ha incornato con violenza procurandogli ferite mortali, mentre lui cercava di difendere la moglie e un’amica. Questo l’incredibile incidente occorso in Canada, nell’Olympic National Park, di cui è rimasto vittima il 63enne Robert Boardman.

Che cosa abbia spinto la capra delle nevi ad attaccare in modo così violento il trekker americano, ancora non è chiaro. Certo è che il poveretto non ha avuto scampo. Secondo quanto riferito dalla tv americana Abc, Boardman stava facendo un’escursione con la moglie e un’amica, quando l’animale ha attaccato improvvisamente il gruppo.

L’uomo ha ordinato alle due donne di arretrare, mentre tentava in qualche modo di allontanare l’animale. Ma invece di scappare, la grossa capra delle nevi gli si è scagliata contro incorndandolo ad una coscia e lasciandolo a terra sanguinante. Inorridite, le due donne volevano soccorrerlo, ma la capra delle nevi non glielo permetteva”.

“Era terribile, aggressivo – ha raccontato l’amica -. Gli stava sopra e non ci lasciava avvicinare”.

Un ranger e sua moglie, sopraggiunti sulla scena dopo le urla dell’uomo, hanno cercato di scacciare l’animale lanciando sassi e scuotendo un drappo di stoffa. Nel frattempo sono arrivati anche i soccorsi in elicottero il cui rumore ha definitivamente allontanato l’animale. Hanno provato a far rinvenire Boardman, ma non ci sono riusciti. Il suo battito non c’era più.

Il caso è unico nella storia del parco, dove vivono circa 3000 capre delle nevi. Si tratta di un bovide che vive nell’America del Nord, dalle Montagne Rocciose all’Alaska, perlopiù in impervi luoghi di montagna. Il maschio pesa circa 90 kg, ed al garrese  è alto circa 1 metro e 20 centimetri.

I responsabili della struttura sono determinati a capire le cause dell’inspiegabile e feroce attacco. I ranger, poco dopo l’incidente, hanno scovato l’animale e lo hanno ucciso. La carcassa è stata consegnata ad un patologo veterinario per delle analisi.

Nel frattempo, è stato divulgato un decalogo su come comportarsi di fronte alle capre delle nevi: stare almeno a 30 metri di distanza, non dargli mai da mangiare e, se un esemplare si mostra aggressivo, gridare e lanciare pietre impedendogli di avvicinarsi.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *