• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Primo Piano

Ande: stop alle miniere per salvare i ghiacciai

pascua lama project
Pascua Lama project (Photo www.barrick.com)

BUENOS AIRES, Argentina — E’ stato approvato, nei giorni scorsi, il discusso provvedimento ambientale che in Argentina porrà un limite alle estrazioni minerarie sulle Ande, considerate una grave minaccia per il fragile ecosistema dei ghiacciai andini e per le sorgenti d’acqua.

La legge, che ha fomentanto accese discussioni tra ambientalisti e industriali, alla fine è passata con una maggioranza di soli 2 voti: 35 senatori a favore, 33 contro, e uno astenuto. Per suo effetto, sarà proibita l’estrazione mineraria vicino ai ghiacciai lungo tutta la catena andina, al confine col Cile: si tratta di circa 5mila chilometri di frontiera. A vigilare sugli scavi, sarà il governo.

La legge colpisce in particolare l’estrazione dell’oro, che negli scorsi anni aveva attratto in Argentina molti investitori esteri, ma nella zona ci sono anche molte miniere di rame e argento. Tutta l’industria mineraria, da  tempo, è sotto accusa per la costruzione di strade in luoghi remoti e la produzione di polvere, attività che danneggerebbero l’ambiente e contribuirebbero a velocizzare lo scioglimento dei ghiacciai.

Gli occhi ora sono puntati sull’attività della Barrick Gold, industria canadese che sta portando avanti un mega progetto di estrazione dell’oro sulle Ande da 3 miliardi di dollari, il “Pascua Lima project”. L’azienda ha dichiarato che già da tempo attua misure per proteggere i ghiacciai e che proseguirà nella sua attività nel rispetto della legge. Ma molti prevedono bufera e grosse perdite.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *