• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Al via il 58esimo Trento film festival

Il manifesto del Trento filmfestival 2010
Manifesto del Trento Filmfestival 2010

TRENTO — Tutto pronto per la 58esima edizione del Trento Film Festival. La più importante rassegna nostrana, e non solo, di cinema di montagna apre domani i battenti per una nuova edizione ricca di incontri ed eventi. Oltre 100 i film in concorso, tra cui il “Nanga Parbat” di Messner, in anteprima italiana. Grandi nomi tra gli ospiti delle serate: da Mauro Corona, a Nicolas Favresse, Tamotsu Nakamura, Nives Meroi, Kurt Diemberger, Ang Tshering Sherpa, Krzystof Wielicky, Erhard Loretan e Hans Peter Eisendle.

Parte domani l’avventura della 58esima edizione del Trento Film Festiva, una rassegna ricca anche quest’anno di appuntamenti molto attesi. Prima di tutto per gli incontri con i grandi dell’alpinismo: Nicolas Favresse, lo straordinario “scalatore col mandolino”, la punta di diamante dell’alpinismo femminile italiano, Nives Meroi, lo scrittore Mauro Corona, e il fotografo delle “Alpi sconosciute del Tibet”, Tamotsu Nakamura.

Poi ancora leggende viventi dell’alpinismo di tutti i tempi: da Kurt Diemberger, ad Ang Tshering Sherpa, Krzystof Wielicky, Erhard Loretan e Hans Peter Eisendle.

Ma oltre agli ospiti terranno banco naturalmente i film, con tutti i riflettori puntati sull’attesissima prima italiana di “Nanga Parbat”. Il film, che racconta la drammatica vicenda dei fratelli Messner sulla montagna del Karakorum, con consulenza di Reinhold e regia di Joseph Vilsmaier, ha suscitato non poche polemiche in Austria e in Germania, da parte degli altri membri di quella spedizione. Al punto che il regista aveva voluto precisare come la storia fosse narrata dal punto di vista dell’alpinista di Funes.

E mentre il filo rosso della sezione cinematografica per quest’anno sarà il binomio sacralità e monti, la rassegna darà largo spazio alle questioni ambientali con conferenze ed incontri per parlare dei cambiamenti climatici. In quest’ambito si inseriscono film come “Oceans”, la prima pellicola in 3D al Trento Film Festiva, realizzata dal regista Jean-Jacques Mantello.

Da ricordare poi che l’edizione del 2010, che inizia domani per concludersi il 9 maggio, sarà anche l’ultima con Maurizio Nichetti alla direzione artistica. Il regista milanese infatti, dopo 6 anni di acclamati successi che hanno portato a una netta crescita del Trento Film Festival, lascia il timone ad altri. Chi gli succederà non è dato sapere, perché, come lo stesso Nichetti ha dichiarato, le voci che vorrebbero Messner come candidato sarebbero al momento solo una trovata dei giornalisti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *