• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Top News

Stelvio, colpo di scena: il Motoraduno si farà

Motoraduno dello Stelvio
Motoraduno dello Stelvio
(archivio)

BORMIO, Sondrio — Come non detto, il Motoraduno dello Stelvio si farà. La notizia è di pochi giorni fa e pare ormai certa. Gli organizzatori dell’evento motociclistico tra i più amati d’Italia e del mondo hanno fatto sapere che l’edizione di Bormio si svolgerà a luglio. A dirlo è stato lo  stesso presidente del Moto Club Storico Alta Valtellina Giuseppe Spagnolo, che pochi giorni fa aveva invece dichiarato l’annullamento della manifestazione sulle due ruote.

Si terrà dal 2 al 4 luglio a Bormio e sarà la 34esima edizione del Motoraduno dello Stelvio. Dopo l’anno di stop toccato nel 2009, gli amanti delle due ruote di tutto il mondo possono tirare un respiro di sollievo, perché l’attesissimo evento si terrà. Solo una decina di giorni fa, il presidente del Moto Club Storico Alta Valtellina Giuseppe Spagnolo aveva dovuto dichiarare la resa e gettare la spugna nell’organizzazione della manifestazione, per via delle tante difficoltà in cui si erano imbattuti.

Subito Elisabetta Ferro Tradati, sindaco della cittadina valtellinese, si era però detta molto dispiaciuta di questa rinuncia, e aveva affermato che le Istituzioni da parte loro stavano facendo tutto ciò che era in loro potere per realizzare l’evento. Poi giovedì 22 aprile si è tenuta una conferenza stampa in cui i protagonisti della vicenda hanno spiegato meglio le loro ragioni.

Dopo una serie di incontri le parti hanno trovato un accordo e alla fine Spagnolo, ottenute dal Comune di Bormio le garanzie desiderate, è tornato sui suoi passi e ha riconfermato la manifestazione. Il 34esimo Motoraduno dello Stelvio quindi si farà tra il 2 e il 4 luglio a Bormio, e non nella sede storica di Sondalo.

“Sono contento – avrebbe dichiarato Spagnolo secondo quanto riferito dalla cronaca locale – che attorno a questo evento si siano confrontate e messe in discussione tutte le varie realtà economiche e politiche del comprensorio. Sono certo che, con la collaborazione assicurata da parte di tutti, sapremo proporre un evento nuovo nella forma, ma sicuramente capace di essere motivo di richiamo per tanti appassionati”.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *