• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Film

Sulle tracce della renna bianca

immagine generica

Per raggiungere il suo obiettivo l’eroe deve superare le prove impostegli dal fato. Gli amici lo sostengono nel suo agire, ma l’impresa è sua: contro le avversità, contro gli ostacoli opposti dalla natura e dagli uomini. "Sur la piste du renne blanc" è quel che si direbbe un romanzo di formazione, in cui il protagonista vive e lotta tra le montagne. Un’avventura avvincente e al tempo stesso romantica e commovente che si svolge sulle bianche terre di Mongolia, alla ricerca della renna bianca.

Sulle distese coperte di neve della Mongolia vivono i nomadi Tsaatan. Il giovane Quizilol e la bella Solongo vivono con le rispettive famiglie e circa 800 renne. Sono innamorati e vogliono sposarsi, ma la famiglia della ragazza è contraria, poichè i fidanzati sono troppo giovani.

Per provare al padre di Solongo di essere un uomo e di poter sposare la figlia, Quizilol deve dimostrare di saper allevare e addomesticare da solo una renna. La sua famiglia gli affida così uno stallone per fare pratica, che promette di diventare uno splendido esemplare adulto di renna bianca.

Durante una tormenta però, lo stallone scappa e cerca rifugio in mezzo alle montagne. Se dovesse attraversare i vicini confini con la Russia, sarebbe perso per sempre. Il giovane può contare solo su se stesso per recuperare l’animale, provare la sua maturità e sposare finalmente Solongo.

Il film è di Hamid Sardar, regista etnografico e studioso di cultura tibetana. Premiato con la "Genziana d’argento al migliore produzione televisa" all’ultima edizione del Trento Film Festival, dura 55 minuti ed è una produzione francese.

"In un mondo sconfinato, fermo nel tempo, i nomadi della Mongolia vivono continui disagi e sacrifici, ma il coraggio e la straordinaria dignità di questo popolo fa sì che la loro vita sia comunque gioiosa. La giuria è rimasta particolarmente colpita dalla descrizione di questo ambiente e dalla capacità del giovane protagonista di superare la prova d’iniziazione".

Valentina d’Angella

 

 

 

 

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *