• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Film

Lo spettacolo oltre le cime

immagine generica

Vertiginose pareti che salgono verso il cielo, fonti di ebrezza e di emozioni vibranti: questo sono le montagne per gli alpinisti. L’incontro con i monti costituisce un momento unico, in cui l’uomo affronta la natura, madre di ogni cosa, e la sfida con la sola forza dei propri muscoli e la concentrazione della mente. E da lassù il paesaggio non si può descrivere a parole: "Au Dela Des Cimes" ci prova con le immagini.

Il film di Rémy Tezier, "Au Dela Des Cimes", è sicuramente l’opera più premiata dell’edizione di quest’anno del Film Festival di Trento. E’ il vincitore della Genziana d’oro del Premio del Club Alpino Italiano per il miglior film di montagna e alpinismo, nonchè del premio del pubblico per la categoria alpinismo e del premio della stampa. E ancora la sua clip è stata la più cliccata sul sito del Trento Filmfestival.

Insomma, un grande successo. Qual è il suo segreto? Sicuramente le montagne, assolute protagoniste del film. Inquadrature vertiginose riprese dall’alto o dal basso delle pareti di granito. Primi piani, dettagli preziosi di una mano che procede lungo la roccia alla ricerca di un punto d’appiglio sicuro. Queste immagini spettacolari parlano da sole.

E se la vista non basta a rendere l’idea interviene l’audio, con il respiro affannoso e il soffiare del vento che avvolge i corpi in movimento. Lo spettatore non può che sentire in qualche modo il brivido di esseree lassù.

Forte è poi la sensazione del legame con il compagno di cordata, dell’intimità di una staffetta su una parete di ghiaccio o di un bivacco in cima a un picco sottile. Non è solo compagnia, è fiducia, è condivisione, è amicizia pura e profonda.

In "Au Dela Des Cimes" spicca anche una protagonista d’eccezione, l’alpinista francese Catherine Destivelle, la cui notorietà la rende un’eccellente ambasciatrice della montagna.

Valentina d’Angella

documentprint mail-to
Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *