• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Prodotti tipici

Dall’Alto Adige la zuppa al vino

immagine generica

Quando arriva il rigido freddo invernale, non c’è niente di meglio che prepararsi una calda zuppa. Vi rifocillerà dopo una giornata all’aperto o dopo il lavoro, e riempirà con i suoi profumi la cucina della vostra casa. Dall’Alto Adige ecco una ricetta speciale: la zuppa al vino.

I vini altoatesini sono famosi in tutto il mondo. Sono ottimi come aperitivi o per impreziosire con il loro sapore qualsiasi portata del pasto. Chi non abita in Alto Adige però, non sa che sono speciali anche per preparare gustose ricette. La zuppa al vino è una di queste.

Prendete un Traminer o un Pinot bianco d’Alto Adige. Poi procuratevi i seguenti ingredienti per preparare il brodo (per 4 persone):

– 1/4 di litro di brodo ristretto o di brodo di carne
– 1/8 di litro di vino
– 3 tuorli d’uovo
– 100 ml di panna
– 1 presa di noce moscata
– 1 puntina di cannella in polvere
– sale

Per fare i crostini invece, vi servono:

– 2 fette di pane per toast
– 40 g di burro
– mezzo cucchiaio di cannella in polvere

Preparate prima i crostini: togliete la crosta del pane e tagliate la mollica a dadini di circa mezzo centimetro. Sciogliete il burro in una padella e mettetevi i dadini di pane: fateli abrustolire continuando a farli saltare. Poi cospargeteli di cannella e toglieteli subito dal fuoco, quindi teneteli da parte.

Passate ora alla preparazione del brodo: versate in una pentola il brodo aggiungendo il vino bianco. Mescolate a parte la panna con i tuorli d’uovo, poi uniteli al brodo. Fate cuocere il tutto facendolo leggermente schiumare con la frusta. Attenzione però! Il brodo non deve mai bollire e l’uovo non deve rapprendersi. Quando il brodo raggiunge una consistenza cremosa, conditelo con la noce moscata, la cannella e il sale.

Siamo pronti adesso per completare la nostra zuppa al vino. Riempite delle scodelle con il brodo, ripartendo la schiuma in modo uguale, poi cospargete di crostini alla cannella e servite immediatamente.

Buon appetito..

Valentina d’Angella

Ricetta courtesy of Regione Alto Adige 

 

 

documentprint mail-to
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *