• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Film

La cattedrale, di Pietro dal Prà

immagine generica

Agosto 2005. La via della Cattedrale, sulla Parete Sud della Marmolada, viene salita per la prima volta in arrampicata libera. Il grande climber Pietro Dal Prà è il protagonista di una delle imprese più glorificate dalle maggiori riviste di alpinismo italiane e internazionali. E qui c’è il film che documenta la salita: soli 29 minuti, che tengono però lo spettatore incollato al video. E gli esperti applaudono.

La pellicola, dal suggestivo titolo "La cattedrale – Marmolada Parete Sud",  si è infatti piazzata seconda al Premio Letterario Nazionale "Leggimontagna" 2006.

La linea sulla Sud della Marmolada è stata aperta negli anni ’80 dalla cordata trentina composta da Graziano “Feo” Maffei, Paolo Leoni e Mariano Frizzera. Poi è stata ripetuta soltanto una volta in una sfortunata invernale da Mauro Fronza e Renzo Corona che, a causa del distacco di una sosta, precipitarono sulla cengia mediana salvandosi per puro miracolo.

Nell’agosto 2005, dunque, arriva l’impresa di Pietro Dal Prà, Michele Guerrini e Lorenzo Nadali, quest’ultimo alla sua prima esperienza di operatore video. Tutti guide alpine ed esperti conoscitori della Parete Sud della Marmolada. I tre hanno dedicato il film alla memoria di Graziano Maffei, scomparso su questa montagna 10 anni fa.

Oltre i 29 minuti mozzafiato di salita, il film contiene degli stuzzicanti extra che faranno felici gli appassionati di arrampicata. C’è la relazione della via “La Cattedrale”, il racconto di Michele Guerrini "I love Marmolada" e le biografie dei protagonisti. Ecco un tratto del racconto dell’impresa, scritto da uno degli autori.

"…provammo una classica del Feo. La più vicina alla zona del nostro bivacco era la Cattedrale che sulla guida non superava il 6° ed aveva qualche passo di A4… aperta nel lontano 1983; sapevo della grande tecnica artificiale del Feo e della bravura di Paolo Leoni e Mariano Frizzera, ma mai e poi mai avrei immaginato di trovare una via del genere, dove il sesto arriva al 6c e l’artificiale ti riempie le braghe di "adrenalina”  (eufemismo). Capii che di classiche il Feo e i suoi fidi compagni non ne avevano aperta nemmeno una: erano bensì tutte belle “legnate”, alcune ancora oggi da ripetere!"

Il film, montato da Gianluca Donati e arricchito dalle musiche di Massimo Magnani, è stato realizzato da Antersass Casa Editrice. E’ disponibile su Dvd e facilmente rintracciabile sia in videoteche e librerie specializzate, sia sul web.

Valentina d’Angella

 

documentprint mail-to
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.