• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Val di Lei, 44enne svizzero trovato morto

immagine

INNERFERRERA, Svizzera — E’ stato ritrovato vicino alla diga della Val di Lei il cadavere dell’uomo disperso da tre settimane tra il confine elvetico e italiano. La vittima, uno svizzero di 44 anni, era scappato nei giorni scorsi da una clinica di Cazis nei Grigioni.

Dopo tre settimane di ricerche finalmente lo hanno ritrovato, anche se ormai troppo tardi. Un 44enne svizzero, Alessandro Gianni Biancotti, originario di Villa di Tirano e residente in una clinica vicino a Thusis, era scomparso il 16 aprile da Cazis nei Grigioni.
  
Da allora le autorità elvetiche lo hanno cercato ininterrottamente in tutta la zona di confine tra Italia e Svizzera. Ieri il tragico ritrovamento. Il corpo di Biancotti infatti è stato rinvenuto senza vita a Innerferrera, a poca distanza dal confine italiano e vicino alla diga della Val di Lei.
    
Ancora incerte le cause del decesso. Seppure non si escluda il gesto volontario, gli inquirenti stanno considerando l’ipotesi dell’incidente. Il ritrovamento del cadavere infatti è avvenuto lontano dal punto della scomparsa e in primavera le condizioni meteorologiche della zona sono quantomeno difficili, anche a causa dell’innevamento.
 
 
 
Valentina d’Angella
 
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *