• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Val Chisone: capriolo aggredisce i passanti

immagine

VAL CHISONE, Torino — Avete mai visto un capriolo aggredire un uomo, con tale veemenza da rischiare di causare lesioni anche gravi? Ebbene, a Villar Perosa, in provincia di Torino è successo più volte. Tanto che il comune ha deciso di catturare l’animale in difesa dell’incolumità pubblica.

 
 
Il capriolo maschio, di circa un anno di età, è stato catturato perchè ritenuto pericoloso. Aveva infatti aggredito più volte delle persone che camminavano nei boschi a Villar Perosa. L’animale, che possiede un discreto palco di corna di circa 25 centimetri, non era affatto da sottovalutare. L’ordinanza di cattura è stata emessa dal sindaco del paese dopo le numerose segnalazioni.
 
Il comportamento insolito, sostengono gli esperti, sarebbe la conseguenza di un processo
chiamato  "imprinting". Prima di tornare in libertà, l’animale era stato allevato in cattività e quindi si sarebbe abituato al contatto con gli uomini. Talmente abituato da non evitare gli scontri. L’animale considera gli esseri umani come suoi simili, aggredendoli per la difesa del territorio e nei periodi della riproduzione.
 
La Provincia di Torino rinnova l’appello a non accudire cuccioli di animali selvatici, rinvenuti casualmente. Anche perchè quando verranno rilasciati allo stato brado, questi esemplari possono crescere in modo inadeguato e avere comportamenti anomali nei confronti agli esseri umani. Forse, in caso di avvistamento di giovani esemplari in difficoltà, è consigliabile contattare le associazioni competenti.
 
Marco Chiodi
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *