• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Makalu: Bernasconi e Panzeri tentano la vetta

immagine

CAMPO BASE MAKALU, Nepal — E’ giunta l’ora decisiva per Mario Panzeri e Daniele Bernasconi, che in questo istante stanno tentando di scalare vetta del Makalu (8473 metri d’altezza), insieme alla spedizione veneta di Mario Vielmo. Il loro compagno Daniele Nardi è invece tornato al base dopo una brutta caduta a 7200 metri di quota.

Nardi si trovava poco sotto campo 3, in un canale molto ripido a 7200 metri di quota. Improvvisamente, uno dei suoi ramponi si è sganciato e lo ha fatto scivolare giù, giù per il pendio di neve gelata e ghiaccio vivo. Era attaccato, solo con la mano e la longe, alla corda di 7 millimetri che gli si attorcigliava sempre più pericolosamente sul polso.
 
Ha perso un guanto, tentando di recuperare al volo l’altro rampone, che dopo qualche metro pareva anch’esso in via di fuga. Poi, senza piccozza e con le mani che non rispondevano più ai comandi per il freddo, si è diretto velocemente al base.
 
Il vento e le temperature rigide hanno peggiorato le sue condizioni fisiche provocandogli una forte tosse, che lo ha tormentato per tutta la notte. Ma non ha niente di rotto.
 
E’ stata una decisione difficile per Nardi, che già al momento della partenza non si sentiva molto bene. Ha saputo rinunciare al suo sogno per non mettere a repentaglio quello dei suoi compagni, ed è sceso. Ma senza la tuta d’alta quota, che lo aspetta ai campi alti, forse per un altro tentativo.
 
Ora però è il momento di Bernasconi e Panzeri, che sono partiti questa notte da campo tre per tentare la cima insieme ai veneti Mario Vielmo, Davide Ferri e Stefano Bertoli, alla sua prima esperienza himalayana.
 
Con loro c’è la fiaccola olimpica di Torino 2006, portata in Tibet come messaggio di pace e fratellanza. La fiaccola è stata benedetta dal Dalai Lama in persona prima dell’arrivo al campo base del Makalu. Portata fino al base da Tom Perry, che ha percorso 140 chilometri del trekking scalzo, la fiaccola è ora nelle mani di Vielmo che, insieme allo stesso Perry e agli altri componenti della spedizione, cercherà di portarla in vetta.
 
 
 
Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *