• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Esteri

Pakistan, ONU pronta alla ricostruzione

immagine

ISLAMABAD, Pakistan —  Sei mesi fa, il terremoto. Uccise più di 73mila persone, ne ferì altre 70mila, lasciò milioni di senzatetto e devastò le montagne del Pakistan. Organizzazioni di tutto il mondo si sono mobilitate per gli aiuti. Ora, la fase d’emergenza è conclusa e le Nazioni unite hanno ufficializzato l’inizio della ricostruzione.

Durerà un anno a cominciare da aprile 2006. La ricostruzione è stata accuratamente pianificata  dalle Nazioni Unite, in stretta collaborazione con le autorità civili e militari pakistane.
 
Jamie McGoldrick, il Deputy Humanitarian Coordinator delle Nazioni Unite, ha espresso forte apprezzamento per quanto fatto dal governo pakistano nel coordinare gli sforzi delle organizzazioni umanitarie durante la fase di emergenza, conclusa qualche settimana fa con successo.

I temi che sono ora sul tavolo di discussione con i partner locali e internazionali sono la chiusura di campi, l’assistenza alimentare, l’implementazione di servizi sanitari e scolastici, il ripristino della proprietà terriera, la pianificazione rurale e urbana, l’istituzione di supporti speciali per le categorie vulnerabili.

Ma, allo stesso tempo, non si deve abbassare la guardia. A preoccupare le autorità sono le frane. Il rischio è molto alto, ora che la neve si sta sciogliendo, e lo sarà ancor più a stagione inoltrata, quando arriverà il monsone.

Per un approfondimento su quanto fatto nell’ambito degli aiuti internazionali al Pakistan e sui programmi futuri, si visiti il sito UN Pakistan.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *