• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Giovane cordata tutta italiana alla conquista di una nuova via sul monte Ushba

Due giovani alpinisti dell’Associazione per lo sport di montagna Chiodo Duro –nata a cavallo fra Ticino e Lombardia, e dal 2014 attiva su tutto l’arco alpino nella chiodatura di nuove vie di arrampicata e nella manutenzione delle vie esistenti- hanno deciso di intraprendere una temeraria spedizione in Georgia, con l’obiettivo di trovare una linea da scalare interamente in libera sul pilastro est della leggendaria vetta del monte Ushba, con successiva traversata alla vetta ovest.

La partenza è fissata per la metà di marzo, la durata della spedizione sarà di oltre sei settimane.

La parete

Il Monte Ushba, 4710 mslm, non è la vetta più alta della catena montuosa del Caucaso ma, con il suo profilo severo, è considerata un simbolo dell’alpinismo di difficoltà: le poche vie aperte in epoca sovietica sono rimaste in buona parte irripetute, forse per via del mistero che circonda questa regione selvaggia, nella quale gli alpinisti non possono contare su nessun tipo di supporto esterno.

La parete sarà affrontata con puro stile alpino, andando a scontrarsi con gli esigenti itinerari tracciati nella parete (il piu facile TD fino a ED+)

Si procederà con un acclimatamento e ricognizione della zona i primi 7 giorni, per trovare le possibili vie di ascesa e disegnare la linea da intraprendere

LA SQUADRA

Matteo Pasquetto 

Classe 1993, di Varese, aspirante guida alpina lombarda. Nonostante la sua giovane età ha maturato grande esperienza sulle Alpi, sia come rocciatore che come alpinista poliedrico negli ambienti di quota. Ha ripetuto numerose vie in solitaria e grandi salite nell’ arco alpino, fra cui, ad esempio, la famosa parete Nord dell’ Eigher e numerose altre importanti ascese.

Fabrizio Calebasso 

Classe 1986. Alpinista ticinese polivalente, porta con se l’esperienza di molteplici salite su tutto l’arco alpino, coronando tutte le vette oltre i 4mila su suolo elvetico. Amante delle sfide, sempre alla ricerca di nuovi obiettivi, predilige le via di roccia in alta quota.

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *