• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Valanghe in Valle d’Aosta: isolata Cogne e Valsavarenche, chiusa la strada per Cervinia. Sgomberate 100 persone a Champoluc

Foto @ ANSA/ THIERRY PRONESTI

Una valanga è caduta nel pomeriggio sulla strada regionale di Cogne, poco prima del capoluogo, in Valle d’Aosta. La massa di neve è scesa all’altezza della frazione di Epinel. La strada regionale è stata chiusa e la località turistica valdostana è attualmente isolata. Sono in corso le operazioni, anche con l’ausilio dei vigili del fuoco, per rimuovere la valanga dalla sede stradale. 

La massa di neve che ha coperto la strada regionale per Cogne è alta 7-8 metri ed ha una lunghezza di 15 metri. Sono in corso le operazioni di sgombero. “Contiamo entro un’ora e mezza di creare un varco per consentire il deflusso di coloro che devono scendere a valle e la salita delle auto dirette a Cogne – ha spiegato l’assessore comunale Andrea Celesia – dopodiché la strada sarà nuovamente chiusa per tutta la notte considerato il pericolo che incombe dai pendii sovrastanti, ancora carichi di neve”.

Anche il comune di Valsavarenche, località del versante valdostano del Parco del Gran Paradiso, è isolato a causa del maltempo. Lo ha riferito all’ANSA il sindaco Giuseppe Dupont. “Abbiamo deciso di chiudere la strada regionale per precauzione a causa del pericolo valanghe – ha spiegato il primo cittadino del comune di 150 residenti – domani mattina faremo ulteriori valutazioni”. Interrotti anche i collegamenti  con la valle di Rhemes (Rhemes-Saint-Gerge e Rhemes-Notre-Dame). 

Nella serata di lunedì è inoltre prevista la chiusura della strada regionale che conduce a Valgrisenche, altro paese dell’alta valle d’Aosta interessato nelle ultime ore da un’abbondante nevicata. 

A causa del pericolo valanghe un centinaio di persone è stato sgomberato a Champoluc,in Val d’Ayas. Una settantina sono turisti ospiti dell’albergo Relais du glacier, i restanti sono residenti nella zona, i quali saranno alloggiati in sistemazioni alternative. “Stiamo evacuando la zona sotto la montagna di Facciabella, nella parte vecchia del paese”, spiega il sindaco Alex Brunod. “Dopo procederemo – aggiunge – con la chiusura della strada, nel tratto da Champlan a Champoluc”.

Sempre per pericolo valanghe ha chiuso in via preventiva dalle 17 la strada regionale da Valtournenche a Cervinia, unica via di collegamento per raggiungere la località alpina. Attualmente sono circa cinquemila le persone ospitate a piedi della Gran Becca.

Si tratta della seconda chiusura a scopo cautelativo avvenuta in cinque giorni: giovedì infatti la strada era stata chiusa per circa 24 ore (in quel caso erano diecimila i turisti rimasti isolati). “Da questa mattina sono caduti a Plan Maison (frazione a 2.561 metri, ndr) 90 centimetri di neve e nella notte ne cadrà altrettanta. Non vorremmo dover gestire un’eventuale emergenza nella notte. Per questo abbiamo consigliato al commissario di disporre la chiusura”, spiega all’ANSA Giuliano Trucco, guida alpina e membro della commissione valanghe, che si è riunita nel primo pomeriggio. “L’invito alle persone – aggiunge – è di non uscire dal centro paese durante le ore notturne. Domani mattina la commissione si riunirà nuovamente, valuterà la situazione e farà le sue proposte”.

 

Fonte @ ANSA Valle d’Aosta

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.