• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Grandi valanghe in molte località della Valle d’Aosta. Le immagini

Valanghe Mont Chetif, Courmayeur (Aosta)

Alcune grandi valanghe di neve umida, generate dal rialzo termico, si stanno staccando in Valle d’Aosta, dove a causa del maltempo il pericolo va da 4-forte a 3-marcato. A Courmayeur nella notte di ieri sono caduti 50-60 centimetri di neve a 2.000 mt.

Alcuni i distacchi “dai pendii dietro al traforo del Monte Bianco”, fanno sapere dall’ufficio neve e valanghe della Regione. La zona è quella del Toula e della Brenva e il soffio è arrivato fino a valle. Ma anche dal Mont Chetif, dietro l’abitato di Dolonne e La Vilette.

“Non sono segnalati danni”, spiega Oscar Taiola, responsabile locale del soccorso alpino.

Nella Valpelline, tra Bionaz e Oyace, una slavina ha invaso la regionale. “Il fronte della valanga è di 3-400 metri. Solo una parte della colata è arrivata sulla strada, invasa per una decina di metri. Non ci sono danni segnalati, stiamo valutando se riaprire”, spiega il sindaco di Bionaz, Remo Chentre. Altre valanghe segnalate a Rhemes.

Da giovedì, dopo le forti nevicate che hanno portato fino a due metri di neve, è rimasta chiusa per pericolo valanghe la strada che collega la Valtournenche a Breuil-Cervinia, riaperta solo alle 12.00.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.