• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Della Bordella, Schiera, Marazzi e Schüpbach in partenza per la Patagonia. Mistero sull’obiettivo

Sul Cerro Mariposa: Paolo Marazzi e Luca Schiera @Ragni di Lecco

Non si sbottonano troppo i Ragni di Lecco in partenza per la Patagonia. Sarà per scaramanzia o forse per lasciare un po’ di suspance, ma l’unica cosa che hanno fatto trapelare finora è che andranno in Patagonia e che il team sarà composto da Matteo Della Bordella, Luca Schiea, Paolo Marazzi e lo svizzero Silvan Schüpbach. 

I tre ragni più lo svizzero partiranno lunedì 8 gennaio, afecionados del luogo che ha dato loro molte conferme alpinistiche, questa volta hanno scelto la via della riservatezza.  Della Bordella ci ha detto: “Vedremo quando saremo lì cosa scalare, partiamo l’8 gennaio”; mentre il presidente dei Ragni, Fabio Palma, è stato un po’ più generoso: “La zona dovrebbe essere quella del Fitz Roy e Cerro Torre. Della Bordella e Schüpbach hanno in mente qualcosa anche col kayak, ma non posso dire di più”. 

Allenamento sul kayak per Matteo Della Bordella e Silvan Schüpbach. Foto @ Matteo Della Bordella Facebook

Anche la data di ritorno non è stata fissata, da lunedì si vedrà. Bisogna anche ammettere che in un periodo dove ogni cosa è sovraesposta mediaticamente fa anche piacere vedere qualcuno che in controtendenza “Va lì e scala” senza sbandierare troppo. 

La storia dei quattro alpinisti in Patagonia (per non parlare del gruppo Ragni) è lunga e ricca di imprese interessanti. Come sul Cerro Mariposa, per citarne una, dove a marzo dello scorso anno Marazzi e Schiera aprivano una nuova via sulla parete nordest.

Per Della Bordella ricordiamo nel 2016, alla est del Fitz Roy con David Bacci e la salita al Compressore sul Cerro Torre insieme a Silvan SchüpbachSempre di Della Bordella ricordiamo il tentativo di quest’estate in Perù, nella Cordillera Huayhuash, insieme a Matteo Bernasconi e Tito Arosio, all’inviolata parete Est del Siula Grande.

Nell’attesa di potervi dire di più, facciamo gli auguri di buona spedizione ai quattro alpinisti.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.