• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Località, Primo Piano, Turismo

Il libreria la nuova guida Lonely Planet sulle Dolomiti

Foto @ Denis Falconieri

Le Dolomiti sono la proiezione verticale di un territorio sorprendente, esprimono un fascino primitivo e maestoso che rapisce lo sguardo e il cuore. 

Le Dolomiti si estendono su cinque diverse province e tre regioni. Un territorio immenso, soprattutto nella sua tridimensionalità, dal momento che si sviluppa anche in altitudine. Anzi, si potrebbe dire in quattro dimensioni, contando forre, gole e grotte.

I capitoli di della guida Lonely Planet trattano da ovest a est i vasti territori in cui sono compresi i nove sistemi dolomitici che fanno parte del Patrimonio UNESCO: strutture geologiche spettacolari, residui di una serie di atolli che milioni di anni fa punteggiavano un caldo mare tropicale, sul fondale del quale oggi si estendono le favolose valli del Trentino Alto Adige, del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Gli autori della guida hanno percorso in lungo e in largo questo arcipelago fossile, esplorandone ogni anfratto per fornire ai viaggiatori uno strumento utile alla scoperta di un territorio unico al mondo. Nel 2009 le Dolomiti sono state inserite nel Patrimonio dell’Umanità UNESCO per la loro bellezza intrinseca e per l’eccezionale valore geologico. Un patrimonio che è di tutti, e come tale deve essere percepito, esaltato, custodito, tramandato.

 

In libreria dal 7 dicembre 2017
Prima edizione
336 pp., 64 pp. a colori
ISBN 978-88-5923-952-9
Prezzo: € 23,00

 

Autori 

Giacomo Bassi: giornalista e viaggiatore, per Lonely Planet ha scritto alcuni capitoli di Milano e Lombardia, le guide Marche, Firenze Pocket e Isola d’Elba Pocket.
Denis Falconieri: giornalista, ha un blog in cui si diverte a raccontare le sue avventure in montagna e non solo (www.roadtocervino.it). Dolomiti è il suo primo incarico per Lonely Planet.
Piero Pasini: giornalista con un dottorato in storia sociale, per Lonely Planet ha scritto Umbria e Belgrado e la Serbia.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *