• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Processo per omicidio colposo di Tito Traversa: tutto da rifare

Era cominciato il 28 giugno scorso a Torino il processo per stabilire le cause della morte del giovane climber Tito Claudio Traversa, che perse la vita il 5 luglio 2013, due giorni dopo essere precipitato in falesia a Orpierre, in Francia.

Qualche giorno fa, in occasione dell’udienza si escussione dei testimoni, la notizia che il processo è tutto da rifare da capo. “Il giudice Rossella La Gatta è stata trasferita in un’altra sezione del tribunale torinese – spiega l’avvocato dei genitori del ragazzo – quindi il processo per la morte di Tito è stato affidato alla dottoressa Maria Iannibelli che, come previsto dal codice di procedura penale, ricomincerà da capo. Quando sono stato messo al corrente, sono andato a parlare con il presidente del tribunale per chiedere il rapido avvio del nuovo processo, che ci è stato concesso. Il procedimento inizierà il 6 dicembre prossimo”.

Secondo la ricostruzione del PM Massimo La Rosa, Tito Traversa cadde da un’altezza di 20 metri a causa di un difetto nel montaggio degli agganci di sicurezza: le fettucce dei rinvii erano state fatte passare fuori dal moschettone nei soli gommini blocca-fettuccia, invece di essere inserite prima all’interno dei moschettoni stessi. L’attrezzatura utilizzata in quell’occasione non era sua, ma di un’altra ragazza che gliel’aveva prestata.

Imputati per omicidio colposo sono in tre: il legale rappresentante della società sportiva che aveva organizzato l’escursione, l’istruttore-accompagnatore e il responsabile della ditta produttrice dei rinvii per un’eventuale responsabilità legata al non aver allegato al materiale in vendita adeguate istruzione per un uso corretto.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *