• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

La rivoluzione di Urubko: l’inverno himalayano inizia l’1 dicembre e finisce il 28 febbraio

Foto @ Darío Rodríguez – Desivel

Eccolo Denis Urubko, in prossima partenza per il K2. Su Desnivel, seguitissima rivista spagnola, dice cose interessanti (se scrivessi “forti” i miei “estimatori” mi accuserebbero di faziosità).

La principale riguarda l’inizio e la fine dell’inverno, che per lui sono il 1° dicembre e il 28 febbraio. Qualsiasi vetta raggiunta in questo intervallo è un’invenale.

Un tema di cui abbiamo dibattuto anche su questo sito, l’occasione era stata, come cita anche Urubko, il tentativo effettuato lo scorso anno – e in ripetizione probabilmente quest’anno – di Alex Txikon sull’Everest.

Secondo il basco, la sua sarebbe la prima salita invernale senza ossigeno, poiché quella effettuata da Ang Rita Sherpa il 22 dicembre 1987 non sarebbe perfettamente collocabile per intero in inverno considerando il solstizio di quell’anno (per un approfondimento qui). Della stessa opinione i rigoristi e gli amanti delle regole (che però non le amano quando sono sfavorevoli a loro).

Secondo invece Urubko, il nepalese Ang Rita, avendo raggiunto la vetta del Tetto del Mondo il 22 dicembre 1987, pur essendo partito dal campo base prima dell’inizio del 21 dicembre, è detentore del record invernale.

La disputa ha riguardato anche due giovani forti alpinisti e la prima invernale dello Shisha Pagma, che Jean Christofe Lafaille realizzò l’11 dicembre 2004, quindi valida per il datario stagionale di Urubko, ma allora contestata con una certa veemenza da parte del giovane Simone Moro, il quale con Piotr Morawski il 14 gennaio 2005 raggiungeva, in pieno inverno, la vetta del più piccolo degli ottomila. Per inciso Jean Christofe Lafaille si guadagnò per quella salita la nomina al Piolet d’Or, con una giuria presieduta da Krysztof Wielicki, capo della prossima spedizione polacca invernale per la prima al K2.

Sempre secondo il calendario Urubko escono invece dal record di prima invernale le salite del Broad Peak (effettuata dai polacchi Maciej Berbeka, Adam Bielecki, Tomasz Kowalski e Artur Malek) e anche del Gasherbrum I (cordata composta da Adam Bielecki e Janusz Gołąb) perché effettuate il 5 e il 9 marzo. Sarà contento il compagno di spedizione al K2 Bielecki!

Una rivoluzione copernicana del calendario invernale alpinistico.

Mi direte, ma che c’importa? Noi in montagna ci andiamo per gusto nostro e di classifiche non vogliamo proprio parlare. Avete ragione. Anche Urubko in fin dei conti la pensa così, affermando che le opzioni sono aperte e che anche lui crede che sarebbe meglio sia iniziare, che scendere dalla montagna dentro le canoniche date dell’inverno.

Articolo precedenteArticolo successivo

6 Comments

  1. Ammetto la mia ignoranza in materia, ma leggendo l’articolo mi sarei aspettato di trovarvi, almeno sommariamente, la ragione “scientifica” (o simil-scientifica) che secondo l’opinione del fortissimo Urubko farebbe retrocedere la stagione invernale al 1 dicembre -inizio- e 28 febbraio -fine. Qualcuno saprebbe spiegarmelo? Grazie!

    1. Temperature e durata del giorno. Lo aveva ben detto Lafaille, ma c’era qualcuno a cui faceva comodo il contrario. Marzo là non è più Inverno

  2. Oggi e’ il 1. dicembre e qui da me, a 450m s.l.m. nevica, anche
    se non tanto, da qualche giorno. Inoltre si viaggia con gomme
    invernali. Siamo in inverno, indiscutibilmente.

  3. Potrebbe essere questione di mettersi d’accordo, senza fare furbate e poi trovare consensi. L’anno bisestile è una cosa un po’ strana. Passare il meridiano 180° alla fine di un giorno e ritrovarsi dall’altra parte all’inizio dello stesso giorno, è strano. I calendari sono stati già modificati e potrebbero esserlo ancora. Però prima bisogna mettersi d’accordo e ripartire tutti d’accordo. Denis prende in considerazione una proposta? E’ indubbiamente fondata e si potrebbe valutare, anche se
    Moro porterebbe foto di allenamenti in Tshirt a certe date e a certe altitudini.

  4. Ultimamente i Metereologi hanno messo molto in risalto il fatto che l’inverno Meteo, a differenza di quello da calendario governato da solstizio ed equinozio, sia dal 1 dicembre al 28 febbraio…e considerando temperature e ore di luce la cosa è piuttosto sensata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *