• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
I nostri lettori, Primo Piano, Sapori

I nostri lettori – Ricetta della marmellata di cachi

Testo e foto di Luciano Pellegrini

Annata cospicua per la raccolta dei cachi. I rami pieni di questo frutto, toccavano il terreno per il peso. Ho voluto preparare la marmellata perché non l’ho mai fatta ed ero curioso.

Fra le varie qualità del cachi, a polpa dura (cachi vaniglia, caco mela, cachi cioccolatino), ho scelto quello a polpa morbida, molto dolce al palato, dalla consistenza molle e succulenta, quasi gelatinosa.

Il cachi è un frutto davvero prezioso per la salute: è ricco di zuccheri (100 g di prodotto apportano infatti 70 kcal), di sali minerali (tra cui il potassio), ha un alto contenuto di beta carotene, vitamina A, C, K, proprietà lassative e diuretiche ed è energetico, quindi consigliato a chi fa sport. È antiossidante e previene le malattie cardiovascolari.

Ingredienti                                                                                                                                                                    

  • 1 kg di cachi
  • 1 limone
  • 350 grammi di zucchero
  • 2 mele 250 grammi                                                                                              

Preparazione                                                                                                                                                                

In un tegame antiaderente, mettere i cachi privati del picciolo e con la polpa tagliata a pezzi. Aggiungere la mela privandola di semi e torsolo, tagliata a cubetti molto piccoli, il succo del limone e lo zucchero. Far cuocere a fuoco basso, mescolando con un cucchiaio di legno. Essendo il preparato abbastanza liquido, bisogna calcolare un’ora di cottura. Fare la prova del piattino per vedere se è cotto (si deve staccare). Invasare in barattoli sterilizzati, capovolgerli per creare il sottovuoto. Una volta aperti i vasetti, vanno conservati in frigo.

Consigli  

Il limone e la mela sono utili come addensanti. Lo zucchero come conservante.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *