• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Natura, Primo Piano

“Giornata nazionale degli alberi”: un’occasione per parlare del patrimonio boschivo dopo l’emergenza incendi

Foto @Gipix

Oggi, 21 novembre, è la “Giornata nazionale degli alberi”. In questa occasione l’Uncem ha presentato un documento relativo alla prevenzione degli incendi, alla gestione del post emergenza nei territori colpiti dai roghi di ottobre e novembre e sulla gestione attiva del patrimonio forestale.

La Giornta nazionale ha infatti come obiettivi, attraverso la valorizzazione e la tutela dell’ambiente e del patrimonio arboreo e dei boschi, di promuovere politiche di riduzione delle emissioni, la prevenzione del dissesto idrogeologico e la protezione del suolo, il miglioramento della qualità dell’aria, la valorizzazione delle tradizioni legate all’albero nella cultura italiana e la vivibilità degli insediamenti urbani.

Il documento Uncem, tratteggiando alcune sfide antropologiche, sociali, ambientali, tocca diversi temi, chiamando a un tavolo comune di analisi e azione la Regione Piemonte, gli Enti locali, i diversi soggetti che si occupano di valorizzazione e gestione del bosco, le imprese, oltre che Ipla, Università, Ordine degli Agronomi e dei Forestali. Quattro pagine, dieci paragrafi con focus su sfide dei cambiamenti climatici, interconnessioni tra aree urbane e montane, pagamento dei servizi ecosistemici-ambientali, gestione attiva del milione di ettari di bosco, prevenzione dei roghi, “catene decisionali” in caso di emergenze, ruolo degli operai forestali, il dopo Corpo forestale dello Stato, realizzazione di nuovi bacini idrici, innovazione tecnologica, attuazione del post-emergenza in Piemonte.

Il documento è un primo draft contenente proposte e indicazioni. Può essere ampliato grazie a una condivisione di impegni e buone pratiche che la Delegazione piemontese dell’Uncem auspica, sotto l’egida della Regione Piemonte e anche del Mipaaf. 

Per leggere il documento, qui

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *