• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Eventi, Primo Piano

“Grandi Montagne del Mondo”, martedì si va sui ghiacciai dell’Equatore

Martedì allo Spazio Oberdan di Milano, si tiene il secondo appuntamento del ciclo le “Grandi Montagne del Mondo”, a cura di “Meridiani Montagne” in collaborazione con il Trento Film Festival. Come sempre, una grande serata monografica di cinema e racconti, che segue quella dedicata alla Patagonia di ottobre e precede quella (19 dicembre) sul Dolpo con lo scrittore Paolo Cognetti. Questa volta, la lente si posa sulle montagne dell’Africa: Rwenzori, Kilimangiaro, Monte Kenya. Luoghi esotici per definizione, che sorgono dalle savane o dalla giungla. La triade è stata scalata per la prima volta in un arco temporale ristretto, dal 1889 al 1906, gli anni più intensi dell’esplorazione africana. È anche il periodo durante il quale le potenze coloniali si espandono in tutto il continente e rilanciano in Europa ì il mito dell’esotismo, dell’africa nera, selvaggia e impenetrabile. Poco dopo, a suggello di questa estetica incentrata su una natura magica e ferina, esce il primo dei 26 romanzi dedicati all’uomo scimmia, Tarzan, cresciuto e allattato da animali feroci. Tarzan che battendosi il petto lancia il suo grido di guerra volando da una liana all’altra: questo personaggio romanzesco e questo mondo pauroso, immensamente lontano hanno accresciuto il mito di montagne irraggiungibili, come avvolte da una barriera impenetrabile. E oggi, al tempo dei parci nazionali e tour operator, come sono diventate quelle cime?

Due film meravigliosi ci portano a visitare quei luoghi. “Rwenzori cento anni dopo” di Marco Preti, che sale le sei vette principali del massiccio del Rwenzori, per cartografarne la posizione e misurare, con un laser a scansione, ciò che ancora rimane degli ultimi ghiacciai tropicali. E il poetico “Niels et Juliette – Sur les épaules de l’Afrique” di Niels Dutrievoz in cui si racconta la storia di due ragazzi di 17 anni di Grenoble, che si imbarcano in una scommessa straordinaria: salire le vette più alte dell’Africa. Dai primi esploratori dell’“Africa nera” ai sogni postmoderni di alpinisti in cerca di solitudini, sui ghiacciai dell’equatore.

 

 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.