• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Ripristinata la croce in cima alla Grignetta

La croce in Grignetta ripristinata @Lecco Notizie

E’ stata ripristinata domenica mattina la croce in Grignetta dopo che il 7 ottobre scorso era stata abbattuta. L’atto vandalico non aveva risparmiato nemmeno la madonnina di vetta che era stata decapitata. 

L’episodio era stato condannato fermamente dal CAI e aveva suscitato un vivace dibattito nella comunità alpinistica e non. Ora la Grignetta ha di nuovo la sua croce, che è stata ripristinata dal gruppo “Lupi delle vette”. Il gruppo ha commentato: “L’unico intento è quello di ridare la giusta dignità ad un simbolo così importante per molti alpinisti e non, simbolo di tradizioni e civiltà che merita rispetto e non di giacere nella polvere in un clima di rassegnazione”. 

Articolo precedenteArticolo successivo

7 Comments

  1. Anche voi date visibilità al noto gruppo neofascista di “Lealtà e azione”. Un vero dispiacere per chi segue da tempo il vostro portale di “informazione”.

    1. Buongiorno Alberto,
      noi diamo visibilità ai fatti, ossia il ripristino della croce di vetta della Grignetta, del cui abbattimento avevamo parlato. Un fatto che aveva creato tanto dibattito, con opinioni anche differenti. Dare cronaca di come si è conclusa la vicenda rientra nel nostro dovere di informare.

  2. ma avete visto il loro sito? pensate che abbiano qualche cosa a che fare con i valori della montagna? perché fare loro pubblicitá?

  3. E’ solo carpenteria.Meglio le croci di legno , lavorato dalle intemperie, che una serie di componenti metallici rivettati.Ne ho visto una di acciaio inox, con contorno a luci led…per vedere si vede .
    Avra’ la targhetta del fabbro costruttore ?Meglio tenersi il dubbio.

  4. andavate voi a sistemarla l’articolo e la pubblicità la facevano a voi
    sempre a criticare mai a fare ma dai il sito pubblica escursioni e
    alpinismo non vedo cosa c’è di scandaloso

  5. Visto che ci sono dei bastardi che si permettono di abbattere ciò che per noi rappresenta la bandiera e la meta delle nostre vette ben vengano le persone che ripristinano questi nostri simboli, per i credenti e non. Se invece qualcuno vuole plaudire alle gesta di chi abbatte, magari per non offendere il credo dei nuovi arrivati, allora l’opera di chi l’ha issata nuovamente è doppiamente meritoria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *