• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

Emergenza in Piemonte: brucia da giorni la Valsusa. Case evacuate

Foto @ ANSA

La Valsusa continua a bruciare da giorni. L’incendio divampato ieri a Bussoleno, dove le fiamme hanno raggiunto i 1.900 metri di quota bruciando un centinaio di ettari di vegetazione, si è allargato sino a Caprie e Rubiana. I vigili del fuoco, impegnati nelle operazioni di spegnimento, hanno evacuato alcune case in via precauzionale. L’odore di bruciato si percepisce nell’aria anche a Torino. Nella zona sono stati impiegati due Canadair e alcuni elicotteri. Ci vorranno giorni prima che l’incendio possa dirsi spento.

Le fiamme hanno bruciato decine di ettari di verde, complice la siccità di un autunno mai così secco come da sessant’anni. “Da inizio mese – spiega Simone Abelli, meteorologo del Centro Epson Meteo, a La Stampa Piemonte – sono mancati all’appello 14 miliardi di metri cubi d’acqua che hanno fatto lievitare il deficit complessivo a 53 miliardi di metri cubi d’acqua accumulato in 11 mesi. Praticamente tutta l’acqua contenuta nel Lago di Garda”. 

Oltre alla Vasusa, i Vigili del fuoco, Regione Piemonte e Corpo Aib Piemonte, supportati dalla flotta aerea regionale e dello Stato, sono intervenuti nelle ultime ore anche nel Biellese e nel Cuneese. Numerosi i Comuni interessati nelle ultime ore dalle fiamme, come informa la Regione Piemonte: Bussoleno, Giaveno e Rubiana nel Torinese, dove i carabinieri hanno salvato una anziana donna dalle fiamme; Pietraporzio e Sambuco nel Cuneese.

A causa del prolungato periodo di siccità, lo stato di massima pericolosità per gli incendi boschivi, ricorda la Regione Piemonte, è in vigore dal 10 ottobre. A meno di cento metri dal bosco – ricorda la Regione Piemonte – sono vietate azioni che possono determinare, anche solo potenzialmente, l’innesco di incendi, come accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma o elettrici, accendere fuochi d’artificio, fumare, disperdere mozziconi o fiammiferi accesi, lasciare veicoli a motore incustoditi a contatto con materiale vegetale e combustibile. Le violazioni sono punite anche penalmente.

 

Fonte @ ANSA Piemonte 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *