• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca nera, Top News

Hayden Kennedy ed Inge Perkins travolti da una valanga. Lei muore, lui si suicida per il dolore

Inge Perkins e Hayden Kennedy @Idaho State Journal

Doppia tragedia nel mondo dell’alpinismo: il 27enne Hayden Kennedy e la sua compagna Inge Perkins sono stati travolti da una valanga nel Bozeman del sud, in Montana, sabato scorso, mentre stavano cercando si scalare il monte Imp.

Perkins è stata sepolta completamente dalla massa di neve ed è morta, mentre Kennedy, che era stato parzialmente coperto, si è suicidato, distrutto dalla morte della compagna. A darne notizia il padre dell’alpinista. 

Il corpo di Inge Perkin è stato ritrovato dal Gallatin National Forest Avalanche Center alla base del monte Imp solo due giorni fa. 

Il nome del forte alpinista americano era balzato agli onori delle cronache alpinistiche per aver schiodato, nel 2012, insieme a Jason Kurk, la via del Compressore di Cesare Maestri al Cerro Torre. Una presa di posizione dei due, che con il loro gesto volevano mostrare al mondo che era possibile scalare quella via anche “by fair means”. Il fatto aveva sollevato un’enorme polemica. Nel polverone ci si era messo anche il Piolet d’Or che, nell’edizione del 2013, aveva deciso di premiare i due con una menzione speciale. 

Hayden ha compiuto imprese alpinistiche importanti anche in Himalaya e Karakorum dove ha salito, insieme Kyle Dempster, K7 e Ogre, due montagne alpinisticamente molto dure e pochissimo frequentate. Mentre nel 2014 aveva aperto insieme a Dempster e Urban Novak un’incredibile via sulla parete Ovest del Gasherbrum IV.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

4 Comments

  1. La montagna unisce, la montagna divide, ma lui non ha voluto più continuare a vivere senza di lei, nonostante la sua passione per la montagna fosse fortissima, l’amore è ancora più grande….

  2. Tremenda perdita alpinistica e una decisione ancora più terribile. Rispetto e silenzio. Uno dei più forti alpinisti contemporanei e non solo

  3. Solo per correttezza non risulta che abbia mai salito una via sulla parete Ovest del gasherbrum IV (era in progetto ma non realizzata) mentre ha vinto due volte il piole d’or per le splendide salite dell’Ogre e del Cerro Kishtwar.
    Triste ed incomprensibile perdita.

  4. Che dire dopo una tragedia simile. Due grandi che se ne vanno in quello scenario meraviglioso delle montagne tanto amate da loro e non solo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *