• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Primo Piano

Un altro italiano in vetta al Manaslu

Foto @ Fabrizio Silvetti

Sono in totale cinque gli italiani che sono arrivati in vetta nella stagione hiamalyana autunnale, tutti sul Manaslu, la montagna maggiormente presa “d’assalto” in questi mesi.

Il 27 settembre scorso vi avevamo raccontato dei primi quattro successi: quella mattina, ora nepalese, avevano raggiunti gli 8.156 m del Manslu Laurent Perruchon, Riccardo Bergamini, Alessandro Corazza e Sergio Zigliotto.

Ora siamo felici di darvi la notizia che anche Fabrizio Silvetti è riuscito a raggiungere la vetta il 30 settembre, diventando il quinto italiano in cima ad un 8000 questo autunno. Ora è già al sicuro al Campo base.

Questa notte a Campo 4, alle 2 del mattino, tempesta di neve e vento – scrive Silvetti – Ho titubato, affrontare una notte così, con queste condizioni mi aveva spaventato. Verso le 4 però il vento un po’ ha rallentato e fuori qualche stella. Come avrei potuto non provarci, tornare a casa con qualcosa di intentato? Perché credo che il valore sia dove hai messo tutto” ed ancora: “In salita le soste sono senza soluzione di continuità. Ogni volta che mi fermavo appoggiavo il gomito sul ginocchio avanzato a testa abbassata per alleviare la fatica al resto, chiudendo gli occhi e respirando profondamente. In questi momenti, il mio corpo si tutelava oltre la mia volontà, cadendo in microsonni che terminavano solo al riprendere della marcia dell’amico russo che mi precedeva.
Ancora un passo, ancora, senza pensare ancora, ed eccolo, che quasi puoi allungare il braccio per toccarlo.
Sei solo la punta di una montagna, ma dentro me sei ben altro. Sei cresciuta poco a poco fino a superare gli 8000 metri in un lungo tempo. Timore, fascino, volontà, paura, incapacità, mettersi in gioco, impegno, ricerca, legami.. ecco quello che sei.
E sei lì, sei lì“. “Arrivare in vetta non è trovare qualcosa – conclude Fabrizio – Per me è stato intravvedere un nuovo viaggio, verso casa, capace di riportarmi dove nulla più è estremo, ma estremamente bello si“.

Complimenti a tutti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *