• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Tecnologia

Archeologia, ecco come si vestiva Oetzi

immagine

BOLZANO — Come si vestiva Oetzi? Quali strumenti utilizzava? Le risposte a queste domande portano a fondamentali scoperte nello studio della Mummia del Similaun, nonchè delle popolazioni che abitavano il mondo e quell’area delle Alpi tra il 3300 e il 3200 a.C. E’ uscito in lingua tedesca uno libro importante che fornisce nuovi studi sulla questione.

Il titolo del libro è "Kleidung und Ausrüstung der Gletschermumie aus den Ötztaler Alpen“, in tedesco come la lingua dei sui autori, e significa "Abbigliamento ed attrezzatura della mummia dei ghiacci delle Alpi della Otztal". E’ stato presentato due giorni fa presso la sede del Museo Archeologico dell’Alto Adige a Bolzano e costituisce un importante contributo agli studi sulle popolazioni alpine del 3300-3200 a.C.

Il volume porta la firma di Markus Egg e Konrad Spindler, ma contiene le ricerche di uno dei massimi scienziati del settore nonché grande studioso di Ötzi, Konrad Spindler. Spindler infatti, archeologo, antropologo e docente universitario ad Innsbruck, poco prima di morire nel 2005, affidò ad Egg la pubblicazione dei suoi appunti, che quest’ultimo ha poi integrato con le nuove scoperte realizzate negli ultimi 4 anni.

Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *