• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Bilinguismo, polemica a Caldaro

immagine

CALDARO, Bolzano — Continua la polemica sul bilinguismo nella toponomastica dell’Alto Adige. Questa volta nel centro del mirino c’è il paese di Caldaro la cui amministrazione ha deciso di intitolare le nuove strade col solo nome tedesco. La ragione è appunto questa: toponimi di nuova introduzione, di "conseguenza", legittimità a mettere solo il nome corrente, che non sarebbe quello italiano.

La questione è scoppiata l’altro ieri, quando il Partito Popolare Sudtirolese di Caldaro ha portato in consiglio una lista di 30 toponimi non bilingue assegnati a nuove vie. Secondo quanto riferisce il giornale l’Alto Adige, che riporta la notizia, tra i casi più scottanti ci sarebbero Bärental, che in italiano si tradurrebbe "valle degli orsi", Feld, ovvero "campi", Spiegel, ovvero "specchio", e Patergangl, tradicibile in "vicolo dei Frati". Traducibile perchè, appunto, non tradotto, visto che i nomi sono solo in tedesco.

"Per i toponimi di nuova introduzione – ha dichiarato il vicesindaco di Caldaro Arnold von Stefenelli – si è deciso di non utilizzare la versione bilingue, ma solo quella tedesca. È il caso di Patergangl, la cui traduzione italiana vicolo dei Frati è stata accantonata. Invece i toponimi italiani esistenti, già utilizzati dai nostri concittadini, sono stati mantenuti".

Questo spiegherebbe perchè appunto Patergangl, non sarebbe stato tradotto, mentre i vicini Colle dei Frati (Paterbichl) e Colle (Bichl), sono rimasti invece bilingue. La motivazione è la nuova introduzione.

Nel frattempo la controversia tra Alpenverein e Cai non è di certo chiusa. Il club altoatesino infatti, non ha nessuna intenzione di fare retromarcia sulla decisione di lasciare i cartelli dei piccoli toponimi di montagna in sola lingua tedesca. Ma anche il Cai non molla, continuando a rivendicare il diritto al bilinguismo.

Georg Simeoni, presidente dell’Alpenverein, aveva spiegato che la scelta del monolingue era relativa soltanto ai nomi propri, mentre i nomi di Comuni, frazioni principali, fiumi, avvisi di sicurezza, termini come "rifugio" o "sentiero" richiedono effettivamente il bilinguismo. Luis Durnwalder, presidente della Provincia di Bolzano, aveva difeso l’Avs, dichiarando che "solo i nomi generici vanno tradotti mentre nella microtoponomastica vanno mantenuti la storia e la tradizione del posto".

Quindi, in quel caso la tradizione, in questo l’innovazione.

Valentina d’Angella

Related link
Alto Adige: bufera sui segnavia in tedesco

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *