• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Itinerari, Primo Piano

Cicloalpinismo: in valle Stura “l’Anello mancante” sulla Testa Rimà

“La valle Stura è da sempre il nostro parco giochi prediletto, quella che più di ogni altra abbiamo raccontato, quella che ogni volta riesce a sorprenderci e a regalarci itinerari memorabili … alla trentesima recensione descritta, mai mi sarei immaginato potesse esistere un cocktail di ingredienti così perfetto:  un vallone di salita tra i più suggestivi, il giusto portage di scoperta fuori sentiero, un crinale epico che regala una picchiata di 1700 m di sentiero che definire idilliaco è semplicemente riduttivo!”    

Bobo&Filippo

Per la relazione completa e la traccia GPS vai su cicloalpinismo.com

 

Articolo precedenteArticolo successivo

3 Comments

  1. Ho sempre sostenuto, e continuo a farlo, che ognuno sia libero di fare ciò che crede e ciò che gli piace, ovviamente nei limiti del lecito e dell’altrui libertà, ci mancherebbe!
    Sulle motivazioni che portano ciascuno a fare le proprie scelte non discuto, e di nuovo ci mancherebbe! (anche se gli autori-bikers, autodefinendosi “ciclo-pirla”, forse meglio di tante parole riassumono da sé il concetto….).
    Sarà, ma non riesco davvero a capire questa “invasione”, per quanto pacifica, dei sentieri: ci sono km e km di strade, stradine, sterrati, gippabili, trattorabili e mulattiere.
    Su questa tipologia di terreno non ho davvero (quasi, sottolineo quasi) nulla da obiettare, ma i sentieri….quelli no: troppo fragili, delicati e stretti.
    Trovo molto ma molto fastidioso incontrare bikers lungo i sentieri, specialmente quando fatico in salita, e mi tocca fermarmi e farmi da parte per far passare il biker di turno, proprio perché non c’è spazio a sufficienza nemmeno per due pedoni, figuriamoci con la bici.
    Aggiungo infine che, alla luce di queste considerazioni, trovo persino strano che un sito come questo dia spazio a simili “ciclopirlate”.
    ciao

  2. Viva la libertà di espressione anche in montagna! I sentieri sono di tutti e ognuno è giusto che li interpreti come meglio crede. E viva il rispetto per chi non la pensa come noi.
    Bel video, bravi!
    Federico

  3. Caro Bacco,
    un altro bellissimo, illuminato intervento in cui la tua ottusa visione diventa tremendamente ripetitiva; questa volta, scusaci, non sprecheremo altre parole con te, se vuoi rileggiti i commenti scritti l’altra volta ( http://www.montagna.tv/cms/94459/mai-provato-il-cicloalpinismo/#comments ) … probabilmente dal tuo nick name dovevamo capire i problemi di dipendenza che non ti consentoo di effettuare certi ragionamenti …
    saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *