• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

I ghiacciai si ritirano e riaffiorano dopo decenni gli alpinisti dispersi, un altro caso nella Alpi svizzere

Il riscaldamento globale sta provocando il ritiro dei ghiacciai, con la conseguenza che sempre più frequentemente riemergono dal ghiaccio alpinisti scomparsi, anche da molti decenni.

Qualche settimana fa il ritrovamento dei corpi mummificati di una coppia scomparsa 75 anni fa nelle Alpi svizzere, nel ghiacciaio Tsanfleuron, a 2.615 metri di quota.

Pochi giorni fa ad affiorare, questa volta del ghiacciaio del Hohlaub, sempre in Svizzera, i resti di un escursionista tedesco scomparso l’11 agosto del 1987 quando aveva 44 anni. A fare la scoperta due alpinisti che hanno trovato per caso una mano e due scarpe sul ghiacciaio. Avvertiti i soccorsi, questi sono riusciti a liberare il corpo parzialmente imprigionato nel ghiaccio ed a trasportare le spoglie all’istituto di medicina legale di Berna, che ha potuto identificare formalmente la vittima ed ad avvisare i famigliari. 

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *