• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca, Primo Piano

La vernice rossa torna ad imbrattare i sentieri del Parco del Gran Sasso

Era il luglio dello scorso anno quando sul sentiero che porta alla vetta del Corno Grande, dopo una salita, alcuni escursionisti lasciavano come ricordo il nome ed il logo del loro gruppo di trekking, con la vernice rossa. Molte le polemiche, soprattutto su Facebook. Sull’accaduto non era tardato ad intervenire l’Ente Parco Gran Sasso e Monti della Laga, il quale annunciava provvedimenti contro i responsabili.

È passato un anno e la vernice rossa torna ad imbrattare le rocce dei sentieri del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

“Incivili si sono arrogati il diritto di “firmare ” la montagna con vernice indelebile in località Madonnina nelle vicinanze della stazione a monte della cabinovia dei Prati Di Tivo, nel Comune di Pietracamela (TE) – racconta Paolo De Luca, maestro di sci e accompagnatore di media montagna, che ha scattato le foto: – Con ogni probabilità, le scritte stanno ad indicare un percorso di mountain bike. Mi auguro che tornino per cancellare queste indecorose scritte e che l’ente Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga individui l’autore o gli autori di questo incivile atto di danneggiamento e deturpazione di bellezze naturali”.

Anche in questo caso l’intervento dell’Ente Parco non ha esitato a prendere posizione: “Reagiremo come abbiamo fatto anche in passato e provvederemo a denunciare sperando di individuare subito gli autori. In questo caso ci costituiremo parte civile per il risarcimento del danno” ha annunciato il Presidente del Parco, l’avvocato Tommaso Navarra, in una intervista ai TG di Teleponte.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Scuola professionale di Trento: 18 diplomati dopo due anni di corso per manutenzione e costruzione muretti a secco.Forse e’ il caso di fornire un diploma di specializzazione in OMETTI di pietre???Pure in cartellonistica direzionale omologata?? Fatto analogo accaduto in zona dolomiti parco friulanee..opra di cancellatura con mazzette per bocciardare.Trattavasi di compilatore di guide con facilitazione a vernice dei suoi itinerari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *