• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità, Cronaca, Sicurezza in montagna, Top News

Rifugio Torino: “turisti sui ghiacciai” fate attenzione, ecco cosa si cela sotto ad un piccolo crepaccio

La scorsa estate il Rifugio Torino, complice la panoramica funivia Skyway che porta sempre più numerose persone ai piedi del bellissimo quanto invitante Ghiacciaio del Gigante, è stato spesso e volentieri oggetto delle cronache per il “fenomeno dei turisti sui ghiacciai“, ossia persone in ciabatte ed abiti da spiaggia che, del tutto impreparati, passeggiavano senza timore sul ghiacciaio, totalmente inconsapevoli dei pericoli. 

Ne avevamo parlato anche noi, interpellando la Guida Alpina di Alagna Michele Cucchi, il quale aveva sottolineato come la chiave di volta per contrastare quello che pareva essere un vero e proprio allarme fosse fare cultura. 

Proprio con questo spirito, qualche giorno fa, il Rifugio Torino ha postato il video che vi facciamo vedere, in cui viene mostrato cosa può nascondersi sotto a quello che solo in apparenza è un piccolo crepaccio. 

Fortunatamente negli scorsi anni il ghiacciaio è sempre stato in ottime condizioni e non sono mai successi incidenti di rilievo – scrive il Rifugio Torino – La stagione di quest’anno si preannuncia molto diversa: se il caldo dovesse continuare, a breve si potrebbero riaprire crepacci anche nei pressi del rifugio. Siamo convinti che la gente si comporti in un certo modo, perchè non ha gli elementi per valutare il reale pericolo che corre.
A tal proposito, abbiamo deciso di mostrare cosa si nasconde sotto un piccolo crepaccino di un metro di larghezza appena.
Visto che la stagione è appena agli inizi e già ci troviamo a dover piangere la perdita di un amico guida alpina e dei suoi clienti, cerchiamo di fare un po’ di prevenzione. Il resto lo deve fare però il buon senso della gente”.

 

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. Se si sale in funivia..tipo Marmolada, tenere conto che alla stazione di partenza si puo’ stare in abbigliamento da spiaggia, ma all’arrivo…si gela.Ciò non dispiace ai gestori del bar ristorante finale che non manca in quasi tutti gli impianti…con i clienti che ammirano al riparo delle vetrate e di una stufa, consumando e pagando. A volte pero’ fa comodo al soccorritore o esperto con una giacca in piu’ ed un sovrappantalone,piu’ attrezzatura per assicurare, ai fini del “rimorchiaggio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *