• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
FNM - Passaggio di Livello, Primo Piano

La Granfondo Stelvio Santini 2017 premia i re e le regine della montagna

PASSAGGIO DI LIVELLO – in collaborazione con

FNM e Montagna.tv insieme per seguire i principali eventi culturali, sportivi, enogastronomici che la montagna propone nel 2017. Una partnership per promuovere una mobilità sostenibile per raggiungere e visitare le più belle montagne della Lombardia e delle Alpi Centrali dal punto di vista naturale e paesaggistico, delle tradizioni culturali ed enogastronomiche, delle attività sportive, del benessere e del divertimento. Un impegno quello di FNM e Montagna.tv per incentivare una mobilità smart, intermodale e verde, che possa contribuire al miglioramento della qualità della vita di centinaia di migliaia di cittadini che vivono, intraprendono e lavorano in montagna o che la frequentano per passione, promuovendo soluzioni di trasporto più vantaggiose anche per l’ambiente. 

 

La Granfondo Stelvio Santini 2017 premia i re e le regine della montagna

Foto @ Granfondo Stelvio Santini – Davide Salvatori

Una carica di 2600 ciclisti ieri mattina a Bormio hanno dato il via alla Granfondo Stelvio Santini, la competizione amatoriale che si allunga sulle storiche salite del ciclismo. Una gara entusiasmante che ha visto la presenza di ben 1.233 stranieri provenienti da 45 nazioni sfidarsi sui tre percorsi: dal tracciato lungo di 151,3 chilometri e 4058 metri di dislivello grazie alle ascese di Teglio, Mortirolo e Stelvio, a quello medio (137,9 chilometri) e, per chi voleva gustarsi solo la salita dello Stelvio, il tracciato corto di 60 chilometri.

Due le classifiche previste in questa edizione in cui gli organizzatori hanno introdotto la “valorizzazione” dell’aspetto grimpeur di ogni ciclista, istituendo la classifica del King of the Mountain per gli uomini e la corrispondente Queen of the Mountain Granfondo Stelvio Santini per le donne.

Il titolo di re della montagna per aver fatto segnare il miglior tempo sulla prima salita di Teglio è andato a Enrico Zen del team ASD Terenzi Green Paper che ha percorso i quasi 5 chilometri in 00:15’18”, e sullo stesso gradino del podio, ma in chiave femminile, è salita Emily Collinge portacolori della squadra AC Postalesio ASD che ha fermato le lancette in 00:16’59”. Per loro la vestizione con la maglia titolata da CST. Il miglior grimpeur sul micidiale Mortirolo ha visto primeggiare ancora Enrico Zen del team ASD Terenzi Green Paper che ha chiuso poco più di 11 chilometri (e 1.200 metri di dislivello) col il tempo di 00:47’50”, e sulla stessa ascesa la regina è stata Emma Delbono della compagine Team Tamburini Group in 00:52’52’’. Infine, il titolo di King of the Mountain Granfondo Stelvio Santini per aver fatto segnare il miglior crono sui 21,5 chilometri del Passo dello Stelvio, con 1.533 metri di dislivello, è stato Cristian Pinton del team ASD Team New Green con il tempo di 01:11’46” mentre l’ideale corona di Queen of the Mountain Granfondo Stelvio Santini è andata a Emma Delbono della squadra Team Tamburini Group in 01:19’38”; entrambi hanno vestito la speciale maglia sponsorizzata Santini.

Inoltre, sono stati premiati i primi tre classificati per categoria nella speciale graduatoria – uomini e donne – che hanno fatto segnare la migliore prestazione nella somma dei tempi sulle salite dei tre percorsi: ai 36 vincitori di ogni categoria è andata la speciale maglia a pois, simbolo ciclistico della salita.

In ultimo, l’organizzazione della Granfondo Stelvio Santini ha voluto premiare lo spirito aggregativo istituendo un premio per le prime tre squadre con il maggior numero di iscritti: primo classificato la formazione Optur Team con 37 iscritti, al secondo posto il team De Rosa Santini (20 iscritti) seguiti dalla squadra Jo.Er Marine Project con 18 iscritti.

“Con le nuove classifiche – commenta Monica Santini, Amministratore Delegato di Santini Cycling Wear – vogliamo proporre un format che conservi l’aspetto agonistico aumentando il livello di sicurezza, e valorizzando al contempo le salite storiche del nostro tracciato”.

 

In collaborazione con FNM – www.fnmgroup.it

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *