• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Padre e figlio morti sul monte Cavallo

immagine

AVIANO, Pordenone — Un uomo di 41 anni e suo figlio di 9 sono morti sul Monte Cavallo l’altro ieri. I due stavano percorrendo il sentiero che dal rifugio Semenza sale al monte Cavallo, un percorso che conoscevano bene. Sono scivolati e caduti per una quarantina di metri. Ieri mattina le squadre del Soccorso alpino hanno ritrovato i loro corpi.

Padre e figlio erano partiti mercoledì per un’escursione in montagna. Avevano raggiunto il rifugio Semenza, a 2.020 metri di quota, intorno alle 13.30 e poi avevano proseguito verso il monte Cavallo, alto 2.251 metri.

Lungo il sentiero però è accaduto l’incidente. E’ possibile che il bambino, 9 anni di età, sia scivolato, e che il padre per tentare di salvarlo gli sia caduto dietro. I due sono precipitati per una quarantina di metri, e poi rotolati per altrettanti sul ghiaione.

L’allarme è scattato intorno alle 22.30 di mercoledì, quando cioè la moglie dell’uomo e madre del bambino, ha chiesto aiuto visto che i familiari non tornavano a casa. Le ricerche sono andate avanti tutta la notte, salvo un’ora di pausa. Una trentina di soccorritori hanno  setacciato la Val Salatis e l’area attorno al rifugio Semenza, con l’aiuto anche delle unità cinofile e dell’elicottero del Suem di Pieve di Cadore.

Poco prima delle 6 i soccorritori hanno individuato i loro corpi in Val dei Sughet, nel comune di Aviano, nel gruppo del monte Cavallo e Palantina. L’elicottero ha trasportato in quota tecnici e personale medico che ha solamente potuto constatare il decesso. Poi le salme sono state ricomposte e recuperate con un gancio baricentrico di 15 metri.

I funerali si svolgeranno domani o lunedì a Godega di Sant’Urbano, cittadina in provincia di Treviso dove risiedevano, dove le autorità hanno proclamato il lutto cittadino.

Valentina d’Angella
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.