• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Agente disperso sui monti Sibillini

immagine

MONTEFORTINO, Fermo — Un agente di polizia di stanza a Brescia risulta disperso sui monti Sibillini da lunedì scorso. L’uomo era uscito per un’escursione, ma alla sera non ha più fatto ritorno a casa e così sono partite le ricerche. Pare che si sia perso nella zona della Gola dell’Infernaccio.

Le squadre del Soccorso Alpino, la polizia, i carabinieri, gli uomoni del Corpo forsetale sono impegnati da lunedì sera sui Monti Sibillini alla ricerca del soprintendente capo Antonio Coccia, che lavora alla Sezione Amministrativa della questura di Brescia.

L’uomo, un 53enne residente nella città lombarda da molti anni, ma originario di Ascoli Piceno, era uscito lunedì mattina per un’escursione nel Parco nazionale dei monti Sibillini. La sera però non ha fatto ritorno a casa. Il cellulare del poliziotto risulta da allora irraggiungibile.

Le operazioni, iniziate nella notte, sono continuate anche ieri, ma per il momento l’agente risulta ancora disperso. La sua auto è stata ritrovata chiusa dall’esterno, in un’area di parcheggio a 900 metri di altezza. Da lì i sentieri conducono alla Gola dell’Infernaccio o della Val Tenna. Le ricerche si svolgono sia via terra che con l’ausilio dell’elicottero.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.