• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cultura

Alta Badia: "Un libro – un rifugio"

immagine

CORVARA, Bolzano — Torna in Alta Badia "Un libro – un rifugio, incontri con gli autori". La rassegna letteraria, arrivata ormai alla sua sesta edizione, quest’anno introduce interessanti novità al consolidato schema. Prima fra tutti il "corso di scrittura in quota" tenuto l’11 e il 12 agosto da Beppe Severgnini, che porterà gli "spettatori-aspiranti scrittori" a Col Alt, per una lezione in alta montagna.

Il primo incontro è quello del 27 luglio con Erri De Luca. Nella Sala manifestazioni di Corvara, lo scrittore napoletano grande amante della montagna, presenterà il suo ultimo libro "Il giorno prima della felicità". Poi il 28 a grande richiesta torna lo spettacolo di Gianna Schelotto "Donne, la solita canzone?": un viaggio attraverso le immagini, letture, canzoni e
riflessioni, che confronta i modelli femminili del passato e quelli elaborati dal pensiero dei ragazzi di oggi.

Il 29 è la volta del filosofo Massimo Cacciari, che parlerà del disagio dell’epoca contemporanea attraverso le grandi cifre del passato e alle tracce "profetiche" presenti già nell‘Amleto di Shakespeare e da lì fino a Kafka e Beckett. Poi il giorno dopo ci sarà Antonio Sciortino, a presentare il suo ultimo libri "La famiglia cristiana".

L’1 agosto Margaret Mazzantini racconta al pubblico il suo ultimo lavoro "Venuto al mondo", mentre il 3 Lidia Ravera presenterà "La guerra de i figli". Il 4 agosto Sergio Romano, intellettuale, scrittore e commentatore per le più prestigiose testate del nostro Paese, presenta “Storia di Francia”. Il saggio ripercorre il cammino politico-istituzionale, sociale e culturale compreso fra la caduta di Napoleone II e l’inizio della presidenza di Nicolas Sarkozy.

Il giorno dopo a La Villa ci sarà Riccardo Chiaberge, con il suo "La variabile Dio. In cosa cred ono gli scienziati?", mentre il 6 l’alpinista e scrittore Mauro Corona presenterà il suo ultimo romanzo "Storia di neve".

Finalmente l’11 è l’ora di prendere carta e penna e provare a mettersi in gioco. Beppe Severgnini infatti, porta gli spettatori al rifugio Col Alt per partecipare attivamente a uno speciale corso di scrittura ad ingresso libero. “Armati“ di testo, quaderni e matita gli allievi potranno realizzare in pieno il binomio “un libro, un rifugio“ perché, la seconda parte del corso, la lezione del 12, si terrà ad alta quota. Sarà un rifugio l’insolita aula nella quale i partecipanti, libro alla mano, potranno seguire la loro lezione e riempirsi gli occhi della bellezza del paesaggio.

Per chi non sale al Col Alt, Antonio Caprarica presenterà il suo ultimo libro "Papaveri e papere", mentre il giorno dopo torna Gianna Schelotto questa volta con il suo volume "Un uomo purché sia. Donne in attes a de ll’amore".

Il 14 agosto prende il via la seconda parte della rassegna: "Il mio libro. Il mio rifugio", nella quale gli ospiti parleranno del libro che hanno amato di più e che ha segnato il loro percorso umano ed artistico. Comincia l’attrice Catherine Spaak, poi continua il 17 la scrittrice Brunamaria Dal Lago Veneri e nella stessa giornata il magistrato Gherardo Colombo,

Tutti gli incontri sono ad ingresso libero e si terranno alle 17.30, nei comuni di Corvara e di La Villa.

Valentina d’Angella

Foto courtesy of Rifugio Col Alt

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.