• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Ambiente, Natura, Primo Piano, Ricerca

Ricerca: un buco nell’Everest contro il cambiamento climatico

È di pochi giorni fa la notizia, riportata dalla BBC, del progetto di ricerca dell’Aberyswyth University, in Galles, che presto vedrà una squadra di tecnici ed esploratori sul Tetto del Mondo per scoprire gli effetti dei cambiamenti climatici avvenuti negli ultimi anni, non tanto sul ghiacciaio quanto al suo interno.

La squadra di ricercatori, infatti, utilizzerà un trapano, adattato da un autolavaggio, per attraversare (si fa per dire) il ghiacciaio Khumbu, che si trova nella parte finale del percorso che raggiunge il campo-base dell’Everest. Il Khumbu, lungo 17 km ed in costante e rapido movimento, presenta un notevole dislivello in termini di altitudine, passando dai 4900 metri ai 7.760, e la sua cascata di ghiaccio, la IceFall, è attraversata dagli alpinisti che vogliono raggiungere il campo 1 del tetto del mondo.

Sarà davvero una sfida: parte dell’attrezzatura sarà trasportata a quota 5000 m (il punto d’inizio dei lavori) via aria, con gli elicotteri, mentre al resto ci penseranno uomini e yak. Ma non è lì che il professor Bryn Hubbard – direttore del Centro di Glaciologia dell’Aberyswyth e vincitore, nel 2016, della Polar Medal – si aspetta grandi imprevisti.

“Non sappiamo quanto funzionerà la nostra attrezzatura, in quota, e nemmeno come riusciremo a cavarcela con la rarefazione dell’aria”. I tre generatori Honda, che serviranno all’alta pressurizzazione dell’acqua con cui il trapano perforerà il ghiacciaio, opereranno al 50% del loro potenziale, a causa della carenza di ossigeno.

Hubbard, che collaborerà con il professor Duncan Quincey, della Leeds University, afferma che lo studio degli effetti del cambiamento climatico all’interno dei ghiacciai è fondamentale per prevederlo e contrastarlo: “È ugualmente importante sviluppare una migliore comprensione di come [i ghiacciai] scorrono”, in modo da prevenire i danni che la rottura delle dighe naturali, che si formano a quelle altitudini, potrebbe arrecare alle valli sottostanti, rilasciando una notevole quantità di acqua.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *