• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Cronaca

Trova granata, la porta ai Carabinieri

immagine

BORMIO — Quando i Carabineri l’hanno visto entrare, con una bomba in mano, non credevano ai loro occhi. Eppure quell’uomo che impugnava un ananas della Seconda guerra mondiale non era un attentatore ma un escursionista che aveva trovato l’ordigno poco prima in Valle dei Vitelli, nel territorio comunale di Bormio, e voleva consegnarlo ai Carabinieri. 

Cosa sia passato per la testa all’incauto escursionista è ancora oggetto di studio. Certo è che l’uomo, di cui prudentemente non sono state rese note le generalità, stava compiendo un’escursione nei boschi dei dintorni di Bormio, quando si è imbattutto casualmente nell’ordigno.
 
Invece di lasciarlo lì e avvertire le autorità, ha deciso di raccoglierlo e portarlo direttamente alla caserma dei Carabinieri di Bormio che, alla vista, sono quasi svenuti sulla sedia.
 
E’ stata una gravissima imprudenza. I militari dell’Arma in servizio in quel momento hanno collocato, temporaneamente, la bomba a mano nell’adiacente cortile e lì l’hanno messa in sicurezza.
 
La Prefettura di Sondrio ha immediatamente attivato gli artificieri del Genio guastatori di Cremona, i quali sono intervenuti ieri mattina, provvedendo a neutralizzare il residuato.
Considerati i fatti, la Prefettura invita la cittadinanza, in caso di individuazione di residuati bellici o di altri congegni, anche solo apparentemente pericolosi, a non toccare o rimuovere gli stessi. Avvisare invece immediatamente le autorità (Forze dell’ordine, Polizia locale) per i conseguenti provvedimenti a tutela della pubblica incolumità.
 
WP
 
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *