• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Attualità

Il Papa in vacanza sulle Alpi

immagine

INTROD, Aosta — E’ iniziata due giorni fa, tra le stupende montagne valdostane e qualche gaffe della stampa, la vacanza alpina di Papa Benedetto XVI. Il pontefice resterà nello chalet di Les Combes, frazione di Introd, fino al prossimo 29 luglio.

Il Papa è partito da Roma lunedì mattina e ha raggiunto in aereo Torino. Poi, un elicottero lo ha portato direttamente a Les Combes, nel "prato del Papa" che si stende davanti allo chalet dove ha già soggiornato per due estati. Ad accoglierlo c’erano il sindaco e un drappello di rappresentanti della comunità e giornalisti, che quest’anno non si sono risparmiati qualche gaffe.

La prima è stata di un giornalista del Tg3, che nel suo servizio è uscito con un’infelice considerazione sui "proverbiali quattro gatti, forse un po’ di più, che hanno ancora il coraggio e la pazienza di ascoltare le sue parole". Dopo le polemiche scatenate dall’incidente diplomatico, il giornalista è stato rimosso dal suo incarico. La seconda gaffe è stata di un cronista de La Vallee Notizie, che ha osato rivolgere una domanda direttamente al pontefice e perciò è stato fermato dai gendarmi e gli è stato tolto temporaneamente l’accredito per dei controlli.

A parte questo, il Papa, ha iniziato le sue due settimane di riposo tra l’entusiasmo dei locali. Ieri, Benedetto XVI ha fatto delle passeggiate nei boschi e si è dedicato alla preghiera ricordando in particolare il perà italiano ucciso in Afghanistan. E le prossime giornate trascorreranno più o meno nello stesso modo: in programma, ci sono solo un paio di apparizioni pubbliche.

Qualche curiosità? Lo chalet, di legno e pietra, ha due piani: da basso la zona giorno, dove c’è un pianoforte, e di sopra lo studio e la zona notte, per il Papa e i suoi assistenti. Quest’anno lo chalet è stato dotato anche di zona pranzo all’aperto con il barbecue. I menu saranno squisitamente locali: a cucinare per il Papa saranno salesiani di Chatillon, mentre pane e dolci arriveranno dai forni dei villaggi vicini.
 

Sara Sottocornola
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.