• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Nanga: austriaco muore sotto la vetta

immagine

ISLAMABAD, Pakistan — Successo e tragedia. Questo il bilancio della spedizione austriaca di Gerfried Goetschl al Nanga Parbat, che dopo aver aperto una via nuova sulla montagna ha perso uno dei suoi componenti, Wolfgang Kolblinger. L’alpinista, esausto, è precipitato venerdì 100 metri sotto la vetta e il suo corpo non è stato più ritrovato.

Secondo le prime informazioni giunte dal campo base, l’alpinista sarebbe caduto in discesa dalla vetta, che aveva raggiunto molto tardi, intorno alle 18.10, seguendo la spedizione coreana di Go Mi Sun. Kolblinger è poi sceso dietro di loro, che raccontano di non averlo più visto dopo una forte raffica di vento che li ha investiti poco sotto la cima.

Il giorno dopo, sono saliti in vetta anche il capospedizione Gerfried Goeschl con la squadra formata da Louis Rousseau, Herbert Schütter, Sepp Bachmair e Hans Goger, che hanno provato a cercarlo, ma hanno trovato solo alcuni effetti personali: zaino, berretti, guanti. Secondo le loro ricostruzioni, l’alpinista sarebbe precipitato lungo un ripido pendio a circa 8.060 metri, luogo in cui si interrompono le sue tracce nella neve.

Koelblinger era salito lungo la via Kinshoffer insieme ad altri compagni austriaci, arrivati in vetta tutti prima di lui. Goetschl e gli altri, invece, arrivavano da un altro percorso: una via nuova, aperta da loro, che si innesta sulla Kinshofer all’altezza dei campi più alti.

"Il successo è offuscato da questo tragico evento – si legge sul blog della spedizione -. Siamo tutti sconvolti dall’accaduto e, ci scusiamo, ma non ce la sentiamo di fare nessun tipo di commento".

Il silenzio stampa è probabilmente indotto anche dalla precaria situazione di Schütter, che secondo quanto riferito dalla spedizione italia di Giuseppe Pompili, sarebbe molto in difficoltà nella discesa. "Sta scendendo molto lentamente – racconta Pompili – accompagnato da Gerfried e altri tre compagni. E’ il tratto piu ripido".
 

Sara Sottocornola

Related links
Foto courtesy of http://www.gerfriedgoeschl.at
Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.