• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo, Top News

Le perplessità di Ryan Waters sui tracker GPS all’ Everest

Fonte: Pythom.com

Dopo la notizia dei tracker GPS sul monte Everest per la prossima stagione, le reazioni non si sono fatte attendere. Oggi riportiamo quella di Ryan Waters, veterano dell’Everest, dell’Himalaya e dei Poli. Oltre che viaggiare e fare da guida sull’Everest e sugli altri 8.000, è famoso per il suo lavoro umanitario e per avere attraversato il Polo Nord senza aiuti esterni.

In procinto di partire, questa primavera, per l’Everest, Ryan ha espresso a Pythom.com il suo punto di vista rispetto alle recenti notizie: “ Se da un lato è positivo osservare interessamento e attenzione da parte del Ministero, dall’altro la mia parte “old school” avrebbe preferito che non si dovesse giungere a questo rimedio. Sfortunatamente a causa dei falsi proclami degli anni passati ci si può chiedere se è veramente necessario giungere al monitoring GPS. Sinceramente però non riesco a crederci. Inoltre quanti soldi dovranno investire per fornire tutti quei dispositivi GPS, per gestirli e per registrare i dati che i dispositivi invieranno?! Inoltre i GPS potranno essere persi, rompersi o non funzionare in modo appropriato. E poi, se un membro della mia squadra  raggiungesse la cima insieme a tutto il gruppo, ma solo il suo dispositivo funzionasse in modo corretto e i trasmettitori di una parte del gruppo fossero scarichi e non inviassero i dati, allora l’ascesa non sarebbe convalidata? Credo che questo metodo porterà altri problemi”.

Tutte obiezioni comprensibili se non condivisibili, ma voi? Siete d’accordo con Ryan? O trovate che la questione sia da osservare da un altro punto di vista? Di certo al questione farà ancora molto discutere.

Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. D’altra parte c’è già chi si porta dietro il GPS per conto suo, anche per avere una controprova del suo operato. Vedi Simone Moro nella traversata dell’Everest ( 3 ore: Campo 4-Cima e alle 8 a colazione giù dall’altra parte. O quelli del Nanga, con le note beghe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.