• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Alpinismo

Rolly Marchi, Messner mi è piaciuto

 

TRENTO — "Sono stato molto vicino a Maestri, perchè, dopo sua sorella, la prima telefonata che ha fatto per dare la notizia della salita al Cerro Torre, l’ha fatta a me. Se mi ha chiamato un motivo doveva esserci. Devo dire però che Messner oggi mi è piaciuto". Questo il giudizio di Rolly Marchi dopo la conferenza che ha riacceso la polemica sulla prima ascensione della montagna patagonica.

"Cesare mi disse che Egger era il più grande uomo di ghiaccio che potesse immaginare – dice Marchi -. Mi disse: ‘lui piantava i chiodi sul ghiaccio che era alto una spanna e io li levavo e così andavamo avanti’. Fin lì c’ho creduto. Poi il ritorno, ho il dubbio anche io come Messner che un chiodo o due per due doppie su 1800 metri di roccia dovrebbero esserci".
 
E’ un giudizio sospeso quello di Rolly Marchi sulla vicenda del Cerro Torre dopo la conferenza tenuta da Messner durante il 57esimo Trento FilmFestival. Anche se il giornalista e scrittore non manca di palesare i propri dubbi.
 
Valentina d’Angella
 
 
 
 
 

      

 
Articolo precedenteArticolo successivo

1 Comment

  1. sono un amante della montagna e Cesare Maestri per me fin da bambino era un uomo da imitare o comunque da ammirare questo fino a quando si è chiarito la vicenda del torre! una persona come maestri dovrebbe lui stesso fare chiarezza sulla vicenda nebulosa del 1959.
    Inoltre maestri non deve dimostrare nulla ne ai media ne al grande Bonatti che ci ha lasciato,deve ammettere pubblicamente i suoi limiti e i limiti del 1959, quando lo farà ne troverà solo ammirazione . un abbrraccio forte al RAGNO DELLE DOLOMITI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.