• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Primo Piano, Tecnologia

Avalanche VR per lo scialpinismo virtuale

Prevenire è meglio che curare e questo vale in molte situazioni, ma se lo si pone nel contesto alpinistico, è quanto mai calzante.

E infatti tutti i corsi che hanno l’obiettivo di istruire su come si va in montagna, soprattutto d’inverno, cercano di insegnare le nozioni necessarie per poter leggere le situazioni e ridurre al minimo il rischio (che, è bene ricordare, non si azzera mai!).

Oltre che gli strumenti teorici serve poi la pratica, che diventa esperienza, e che non è mai abbastanza; sarebbe bello poter “esercitarsi anche senza dover andare in montagna fisicamente, magari nei ritagli di tempo.

Deve essere questo che hanno pensato i fondatori di Avalanche VR, che sfrutta la realtà virtuale per simulare la preparazione di una gita invernale in montagna per prevenire gli incidenti da valanga. Sono necessari un visore e due controller per immergersi in uno scenario virtuale dove si può pianificare ed affrontare una gita scialpinistica: leggere i bollettini, studiare il percorso, scegliere l’attrezzatura e creare il gruppo in modo efficiente. In base a quanti errori saranno stati commessi dall’utente durante la preparazione si staccherà o meno una slavina. Ex-post l’utente avrà modo di verificare quali sono le scelte errate che han condotto all’incidente virtuale.

Il progetto è stato messo a punto da Realer, una startup che sta crescendo nell’incubatore di imprese IDM di Bolzano, e Bruno Mandolesi, uno dei realizzatori, racconta: “Siamo assolutamente convinti che la realtà virtuale avrà successo soprattutto per simulare situazioni di emergenza e per l’addestramento. Le valanghe sono un argomento molto delicato e per questo è importante che Avalanche VR funzioni in maniera ottimale”. Il progetto è stato sviluppato con  la collaborazione della guida alpina Kurt Walde, vicepresidente della Commissione tecnica dell’Unione Internazionale delle Associazioni Guide di Montagna, che spiega a sua volta che “Questa soluzione ci mostra quali possono essere le conseguenze delle nostre scelte. Sfruttare questa tecnologia è un buon modo per rivolgersi ai giovani, che spesso sono portati al rischio e prestano poca attenzione all’addestramento”.

Gli sviluppatori stanno lavorando per rendere disponibile l’app entro la fine della stagione invernale.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *