• Il primo sito italiano sul mondo della montagna e dell'alpinismo
Estremo, Poli, Primo Piano

Mike Horn completa la più lunga traversata dell’Antartide, ora punta all’Artide

Attraversare l’Antartide sugli sci trainato da una vela. Questa è l’impresa che ha realizzato Mike Horn coprendo circa 5100km  in 57 giorni e completando il tutto il 7 febbraio scorso. 2215 km per raggiungere il Polo Sud e 2885 per proseguire verso nord. Sarebbe il viaggio più lungo in “kite-ski” mai realizzato. Un progetto molto simile a quello tentato dall’italiano Michele Pontrandolfo, il quale però ha dovuto rinunciare a causa di alcuni problemi, 

Però, come fa notare ExploreerWeb, durante il viaggio sono stati forniti dei pasti a Mike mentre si trovava al Polo; per questo motivo la spedizione non può essere definita “in solitaria” o “senza aiuti”. Ciò nonostante, il tragitto di andata e quello di ritorno rientrano in queste categorie. Gli ultimi giorni in particolare sono stati molto duri perché se da un lato il vento forte gonfiava la vela, dall’altro il ghiaccio aveva formato dei denti che frenavano la slitta trainata di Mike, che si è ritrovato al centro di due forze opposte. Inoltre, le volte in cui la vela si sgonfiava repentinamente la slitta colpiva Mike sulla schiena, facendolo cadere. Di certo sono stati momenti frustranti.

Mike è ripartito il 15 Febbraio alla volta della Tasmania dopo aver atteso che la barca Pangea venisse riparata dopo alcuni problemi elettrici, in una stazione scientifica francese.  Il progetto della spedizione prevede ora di raggiungere Australia e Nuova Zelanda, per alcune esplorazioni, per poi dedicarsi alla seconda fase della spedizione “Pole 2 Pole”, cioè da polo a polo. Questa fase consiste nell’attraversamento della calotta artica nello stesso modo con cui è stata attraversata quella antartica. La stagione ideale in Artide ad ogni modo incalza e negli ultimi anni è durata sempre meno. Vedremo quindi se e cosa cambierà di questo progetto nei successivi aggiornamenti.

Articolo precedenteArticolo successivo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.